3 minutes reading time (689 words)

In verità, il viaggio attraverso i paesi del mondo è per l'uomo un viaggio simbolico. Ovunque vada è la propria anima che sta cercando. Per questo l'uomo deve poter viaggiare.

Cabo Polonio - Uruguay

Piove e fa freddo.
Molto.
Sento il mio corpo muoversi quasi col pilota automatico. Mi imbarco per l'Uruguay un lunedì mattina. Un classico lunedì mattina come quelli di novembre, di quelli con la pioggia e i primi freddi. Di quelli successivi ad un fine settimana memorabile, passato con persone speciali, magari via, da qualche parte in giro.
La malinconia che ti assale e che non ti abbandona.
Penso a Baires, ai suoi volti, alle persone, ai momenti, alle strade. Ho costantemente gli occhi lucidi.
Arrivo nel tardo pomeriggio a Montevideo, il freddo è tosto e la pioggia inizia ad essere pesante.
Apro il computer e di getto controllo quanto costa un biglietto aereo.

Sì, ho voglia di tornare a casa.

Ci guardo e mi prendo la notte di tempo per riflettere.
Spengo il computer, decido di far conoscenza con i ragazzi dell'ostello.
Ceniamo tutti insieme, qualche birra, tante risate e racconti di viaggi ed esperienze.
Quantomeno la depressione malinconica post Buenos Aires se ne va per un po'. Mi sento come anestetizzato.
Mi sento stanco e svuotato così provo a dormire un po'.
La mattina seguente è un raggio di sole a svegliarmi. Sembra la classica giornata di primavera. Sono di umore migliore rispetto al giorno precedente, ma la malinconia ancora mi pervade.
Decido di ributtarmi in quello che più mi ha affascinato in questi mesi, ovvero scoprire posti nuovi e raccontarli con la telecamera.
Dopo pochi passi sento nuovamente le vibrazioni del cammino, della scoperta, della voglia di "nuovo".
Montevideo è una città bella e accogliente. Il nuovo e l'antico si fondono alla perfezione.
Cammino tutto il giorno per la città e poi, verso l'ora del tramonto, arrivo in una delle sue spiagge. Sorseggio un mate sulla sabbia di fronte all'oceano.
La malinconia non se ne va, ma tuttavia sto pian piano ritrovando le energie per rimettermi in viaggio.
Torno in ostello, apro il computer e vedo la pagina dei voli per l'Italia aperta. La chiudo senza nemmeno pensarci e inizio invece a studiare l'itinerario uruguagio.
Purtroppo devo fare i conti con due aspetti: la stagione è pessima, freddo e pioggia quasi quotidianamente. Inoltre l'Uruguay è, ad oggi, il paese più caro del Sudamerica.
Occorre quindi attraversarlo in pochi giorni e buttarsi in Brasile.
Mi concentro pertanto sulla zona della costa, quella con più parchi naturali e l'opportunità di poter osservare le balene.
Mai in vita mia ho visto una balena e quindi in pochi minuti decido: Cabo Polonio è la destinazione.
Parto subito all'indomani. Il viaggio è corto e nel primo pomeriggio sono già in questa meravigliosa riserva naturale. Dune e foresta di fronte alle onde dell'oceano. Un faro, un piccolo villaggio dove non c'è elettricità, quasi tutto chiuso per la bassa stagione. Tuttavia il paese è una sorta di comunità hippy pertanto i suoi pochi abitanti hanno la giusta vibrazione, la buena onda come si dice qui.
Finalmente, dopo i fasti della città, ritrovo la Pachamama, l'unica in grado di leccare le mie ferite e la mia malinconia.

Ed è proprio così.

Mi perdo un giorno intero tra le dune, quasi a ritrovare me stesso.
Ho ritrovato quella voglia matta di scoperte, incontri, novità.
La sera in ostello organizziamo una jam session, alcuni ragazzi brasiliani suonano divinamente. Bossa nova.
È festa, anche qui, ma diverso rispetto a Buenos Aires, qui esiste solo la voglia di cantare, suonare e ballare.
A mezzanotte decidiamo di andare in spiaggia e qui mi accoglie uno spettacolo grandioso, qualcosa che nella mia vita ancora non avevo visto.
Il plancton fluorescente, tra le onde dell'oceano Atlantico. Scie azzurre e verdi che cavalcano le onde. Sopra di noi solo le stelle.

Ne resto ammaliato, ecco cosa avevo bisogno.
Non c'è niente di meglio che uno spettacolo naturale per ricaricare le batterie. La malinconia se ne va come con un colpo di straccio.
Ora ho davvero voglia di ripartire.
Delle balene neanche l'ombra, tantomeno più a nord nella meravigliosa Punta del Diablo.
Tuttavia ho ritrovato ciò che più è importante: la voglia e la determinazione a tornare a viaggiare, a scoprire, a tornare a casa attraverso la via più lunga, più tortuosa, più appagante.

Location (Map)

Sogna ancora i mari ampissimi dove corrono dolci l...
Non si può toccare l'alba se non si sono percorsi ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.