5 minutes reading time (903 words)

L’orizzonte, ogni giorno, un po’ più in là.

A bordo della nave cargo mercantile

"Ci deve essere qualcosa di stranamente sacro nel sale. È contenuto nelle nostre lacrime e nel mare."
"Nel mare non c’è distinzione tra est e ovest, sono le persone a creare queste distinzioni."


Ventisei giorni di viaggio.
Da Adelaide, in Australia, fino a Vancouver, in Canada. Passando per la Nuova Zelanda e le isole Fiji.
L’occasione di disimbarcare qualche ora ad Auckland dopo una settimana di navigazione con il mare che non mi ha lasciato in pace. Onde che di notte aprivano i cassetti della cabina, membri dell’equipaggio che stavano male, ma io tutto sommato non l’ho patito troppo.
Giusto il tempo di incontrare un vecchio amico conosciuto in viaggio, berci una birra insieme e ricevere notizie da casa.
Riparto, dopo quattro giorni giungo alle isole Fiji. Finalmente l’occasione di stare sulla terraferma una decina d’ore. Trovo una spiaggia, ma non riesco a godermela, il tempo è nuvoloso, d’altronde siamo all’inizio della stagione delle piogge sul tropico del Cancro.
Torno in porto, il cargo salperà in anticipo e per poco non rischio di rimanere a terra.
Mi imbarco per l’ultima volta, mi aspettano sedici giorni senza collegamenti con il mondo, io e il mare.
Il giorno dopo sulla nave si fa festa, il capitano ha deciso di regalare all’equipaggio una grigliata in mezzo al mare. È usanza così, quando si solcano gli oceani.
Due giorni dopo arrivo sull’equatore: il sole che tramonta a sinistra mentre a destra vedo sorgere contestualmente la luna. Non me ne accorgo subito, ma quello che mi aspetta è uno degli spettacoli più belli che abbia mai potuto assaporare.
Una notte di luna piena ad illuminare l’oceano pacifico. Il buio del mare squarciato da quella luce e intorno a me nulla. Una distesa d’acqua enorme, la profondità, di oltre 7000 metri, come volare. Sopra un cargo mercantile di oltre 200 metri, così piccolo, così minuscolo in mezzo a quel mare. Ed io, ancora più piccolo.
Resto un paio d’ore a contemplarla, ammaliato. Altro che un film.
Passo anche il tropico del Capricorno, oltre che dall’autunno alla primavera, dalla stagione delle piogge a quella secca.
Non solo.
Perché poi capita di attraversare una linea immaginaria di cambio data che mi ha fatto vivere un giorno due volte, proprio come nella storia del giro del mondo in 80 giorni.
È così che il tempo, come le distanze e le dimensioni, acquista totale e piena relatività.
Vivere un giorno due volte, già, come se non fossero abbastanza ventisei giorni senza toccare terra a parte le due fugaci presenze in Nuova Zelanda e alle Fiji.
Senza contatti con il mondo esterno, una piccola bolla sopra il mare.

Un viaggio infinito da una terra che ho agognato per dieci anni fino all’America.
Ne avevo bisogno.
Sì, davvero, ne avevo bisogno. Raggiungere l’Australia mi ha permesso di tagliare il primo importante traguardo del mio giro del mondo senza aerei. Mi sono sentito leggero a camminare nuovamente per le strade di Sydney.
Leggero perché svuotato.
È un anno che son partito.
Ciò che agognavo, fin dalla partenza, più di ogni altra cosa, era tornare in quella terra. Esserci riuscito dopo grandi difficoltà mi ha fatto sentire per un momento arrivato. Sicuramente a Sydney la sensazione di sentirsi a casa ha fatto il resto, ma in qualche modo ero appagato.
Ho attraversato frontiere all’apparenza impossibili, sono riuscito ad arrivare lì, senza aerei, dall’altra parte del mondo, agli antipodi.
Nulla di meglio quindi che un viaggio interminabile per essere catapultato in un nuovo mondo, un mondo che, tra l’altro, conosco pochissimo. A parte la California, l’isola di Cuba e lo Yucatan messicano non conosco altro dell’America. Nei miei piani mi aspetta circa un anno in quelle terre, tra nord e sud. Mi aspetta il Canada, prima, e poi gli Stati Uniti per un coast to coast da New York fino a San Francisco e poi giù verso l’alma latina: il Sudamerica.
Ma poi alla fine chissà cosa avranno in serbo per me le correnti dell’universo. Per la prima volta sono libero da date fisse, non ho scadenze, posso fluttuare liberamente.
Mi sento come quando stavo per entrare in India e anche in quel caso venivo da un’ardua esperienza introspettiva: il corso di meditazione Vipassana. Molto di ciò che ho compreso da quel giorno lo devo a quei dieci giorni di silenzio. E proprio come allora ho avuto i miei momenti di difficoltà. Allora dovevo combattere contro la mia mente, ma potevo uscire.
Stavolta no, prigioniero del mare.
Oggi è così, scruto l’orizzonte, è sempre lo stesso. Da venticinque dannati giorni è sempre il medesimo.
Mare, mare, mare.
Non una barca, non un delfino, non un’isola, niente a parte l’orizzonte.
Ma domani mi sveglierò sulle coste canadesi, ho una voglia matta di tornare sulla strada, di scoprire posti nuovi, di incontrare persone. Ho voglia di tornare a stupirmi.
Così mi son sentito, in gabbia, ma mi è servito. Ho davvero ricaricato le batterie, sono nuovamente carico di energia proprio come un anno fa, quando stavo lasciando la mia città, la mia famiglia, i miei amici, i miei affetti per andare incontro al mondo, alla Vita.
È un anno che sono in viaggio e se mi guardo indietro è volato.
Ogni giorno una scoperta, ogni giorno nuove esperienze, ogni giorno un cielo diverso, ogni giorno un orizzonte diverso.
Per gli ultimi venticinque giorni l’orizzonte mi sembrava sempre lo stesso, ma non era così.

L’orizzonte, ogni giorno, un po’ più in là.

Location (Map)

Chiudi gli occhi, immagina una gioia. Probabilment...
Viaggiare intima il pieno funzionamento dei sensi....

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.