6 minutes reading time (1178 words)

Tieni viva in te la capacità di continuare a meravigliarti.

Yunnan

Che stai entrando in Cina te ne accorgi già dalla frontiera.
La dogana laotiana è una casetta con un paio di sportelli, qualche domanda e tanti sorrisi.
Arrivi dalla parte cinese e ad accoglierti un palazzo avveniristico con all'interno banchi d'accoglienza e metal detector come se fossimo in un aeroporto.


Pochi sorrisi e tante domande, tutte in cinese a cui ovviamente rispondevo scuotendo la testa come fossi un indiano. Il gioco ormai l'avevo imparato bene.
In pochi minuti eccomi di nuovo in Cina, dopo otto mesi.
Avrei dovuto passarci circa una settimana, nella regione dello Yunnan. Una delle regioni più belle e spettacolari di tutta l'immensa nazione cinese.
La prima tappa era Jinghong, un ottima base per alcuni trekking sulle vicine montagne e poi Kunming per poter visitare la pittoresca Dali.
Nulla di tutto ciò. Arrivo a Jinghong verso sera e aprendo le mail ho l'amara sorpresa: il cargo che da Hong Kong mi porterà a Brinsbane salperà in anticipo di qualche giorno. Inoltre vengo informato di dover essere ad Hong Kong tre giorni prima della partenza prevista.
In definitiva devo accelerare bruscamente il mio viaggio privandomi della possibilità di visitare adeguatamente lo Yunnan.
Un gran peccato davvero, tuttavia accetto di buon grado quello che le correnti dell'universo mi hanno riservato.
Partirò da Hong Kong il primo giorno dell'anno cinese, mi auguro che questo sia un buon segno.
Nel frattempo il ritorno in Cina dopo ben otto mesi mi ha riservato sorprese e conferme. Avevo dimenticato quanto si mangiasse bene innanzitutto! Rispetto alla mia precedente esperienza ora sono vegetariano e trovare cibo adeguato non è per nulla semplice, ma mi è bastato imparare alcune parole in lingua locale per chiedere piatti senza carne ed il gioco è fatto.
Ogni piatto è squisito e i cinesi vanno letteralmente pazzi per il cibo.

Nella mia personale esperienza i cinesi si sono rivelati brave persone, disponibili e gentili.
In questa parte della Cina la barriera linguistica è elevata, nessuno parla inglese, ma tra gesti e qualche parola imparata attraverso un app specifica non ho avuto grossi problemi.

Le sorprese invece sono arrivate proprio dalle città e da Kunming in particolare. È una città di diversi milioni di abitanti, ma a differenza del resto della Cina ha il cielo terso e le nuvole bianche. Qui sembra esserci particolare attenzione all'inquinamento e all'ambiente e me ne accorgo dopo qualche ora per le strade.
Il traffico è intenso, ma non sento la testa scoppiare. Non sento clacson continui, né rumori di motori. Per le strade un silenzio quasi irreale.
Sono otto mesi che vivo in un inquinamento acustico impensabile e ritrovarsi in una metropoli cinese priva di rumori sembra di essere nell'ultima scena del film Vanilla Sky.
Il fatto è che in questa parte di Cina la maggior parte dei veicoli è elettrica e questo comporta un minor impatto ambientale e acustico.
Non mi aspettavo da una delle nazioni che più inquinano al mondo tale approccio. Deve tuttavia essere una peculiarità dello Yunnan perché ricordo bene che durante il mese in Cina tra maggio e giugno scorsi solo in Tibet avevo potuto ammirare il cielo, nel resto era solo una grande cappa grigia.
Ormai comprendo quanto il grande capitolo sull'Asia nella mia vita stia giungendo al termine.
Il viaggio verso Hong Kong è lungo, quasi 30 ore in treno, lo passo ripensando a quanto la mia vita si stata stravolta negli ultimi mesi.
Non oso immaginare cosa vorrà dire salire su quel cargo mercantile che mi porterà a coronare il primo grande sogno di questo giro intorno al mondo: il raggiungere senza aerei l'Australia, il posto più lontano, agli antipodi dell'Italia.



****************************





You realize you are entering China at the border. Laotian customs is a little house with a pair of flaps, few questions and lots of smiles. When you arrive on the Chinese side though, there’s a futuristic building welcoming you with register counters and metal detectors like in an airport. Few smiles and lots of questions, they were asked in Chinese so I answered as an Indian, shaking my head. I have learnt the game very well. In few minutes, here I am in China again, after 8 months. I should have stayed here only for a week, in Yunnan, one of the most beautiful and spectacular regions of China. The first stage was Jinghong, a great place for some trekking on the nearby mountains and then Kunming to visit the picturesque Dali. None of this. I reach Jinghong in the evening and reading my emails I have a bitter surprise: the cargo from Hong Kong to Brisbane will set out few days in advance. Moreover, I was asked to be in Hong Kong three days before the departure. So I have to accelerate my trip avoiding the proper tour of Yunnan. Such a shame! But I accept where universe’s strains are leading me. I will leave from Hong Kong the first day of the Chinese year. I hope it’s a good sign. Meanwhile, my return to China after 8 months set aside some surprises and confirmation. I forgot how good the food was! I’m vegetarian now, in comparison with my first experience, and finding the proper food is not so easy, but it was enough to learn some Chinese words to ask for food without meat. Every dish is delicious and Chinese people drool over for food. In my personal experience, Chinese are good, kind and willing people. In this area of China, linguistic hindrance is high, no one speaks English but thanks to an app and some gestures, I was able to communicate. Surprises came from the cities and especially from Kunming. It’s inhabited by few millions people but, in comparison with the other areas of China, sky is blue and clouds are white. Here, they pay attention to pollution and environment and I realize it after few hours walking around. Traffic is intense but I don’t feel my head bursting. I don’t hear constant honking nether engines’ noises. Unreal silence on the streets. I have been living in an unbearable noise pollution for 8 months; finding myself here, in a Chinese metropolis without noises, reminds me the last scene of Vanilla Sky. The fact is that in this part of China, most vehicles are electric and this entails less environmental and acoustic impact. I didn’t expect it from one of the most polluting countries. I think it’s a Yunnan peculiarity though, because when I was here between May and June, I remember I was able to see the sky only in Tibet, and all the rest of it was just a grey pall. I realize the big chapter about Asia is going to an end. The journey to Hong Kong is long, almost 30 hours on a train; I spend this time thinking about how my life has been shaken in the last few months. I can’t imagine what my jumping on that cargo will mean, the successful completion of the first big dream of this trip: reaching Australia without flights, the outmost place and polest apart of Italy.

Location (Map)

Le mille luci di Hong Kong
Se la nostra esistenza si svolge all'insegna della...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 2

Ospite - Arioh il Giovedì, 26 Febbraio 2015 23:21

Ciao Claudio,
buona traversata, buon mare e tanti bei tramonti sul mare...

Ciao ciao
Arianna

Ciao Claudio, buona traversata, buon mare e tanti bei tramonti sul mare... Ciao ciao Arianna
Ospite - Claudio il Martedì, 03 Marzo 2015 23:18

Grazieeee!!!

Grazieeee!!! :)
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.