4 minutes reading time (777 words)

Viaggio per perdermi e per ritrovarmi. Forse alla ricerca di me stesso o forse per perdere quanto di me stesso non voglio.

Ruta 40 - Argentina

L'Argentina è una nazione che prima ancora di visitare occorre viverla. Con la dovuta calma, non di fretta.
Le distanze sono enormi e c'è tanta pampa, ovvero pianura tutta uguale ed è praticamente senza alcuna apparente forma di vita umana. In realtà sulla strada capita di incrociare i gauchos, ovvero i pastori a cavallo con quell'inconfondibile coppola nera e i pantaloni ricoperti di peli di capra. Una scorta sicura li accompagna, ovvero alcuni cani, pastori anch'essi.


La strada è lunga da Ushuaia, la fine del mondo, fino al nord della Patagonia, l'ultima parte rimasta per godere ancora di paesaggi montani sublimi. L'autostop qui non è facile come in Cile e il clima incomincia a farsi uggioso e realmente freddo.
Cedo al compromesso di un bus, sebbene i trasporti in questa parte del mondo siano i più cari incontrati finora nel continente.
I paesi che incontro sono tutti molto graziosi e ricordano i nostri villaggi di alta montagna, probabilmente a causa della grande influenza tedesca.
Bariloche è meravigliosa, soprattutto per la sua natura intorno al lago, ma è tristemente nota per aver dato rifugio agli ufficiali nazisti dopo la seconda guerra mondiale. Questo contrasto stride parecchio, soprattutto quando l'occhio e l'anima si perdono a contemplare l'armonia della natura circostante. Il cielo è grigio, piove spesso, ma i colori degli alberi d'autunno sono uno degli spettacoli più belli vissuti in questo giro del mondo.
Un giorno salgo sulla cima di una montagna, il cerro campanario e mi fermo a contemplarne la vista. È l'ultima cartolina dalla Patagonia degna di nota perché ho scarsa fortuna nella "ruta de los siete lagos", una delle strade più spettacolari dell'Argentina. Piove a dirotto, d'altronde è ormai autunno inoltrato.
Provo a fermarmi un paio di giorni a Villa Angostura e a San Martin de los Andes, ma invano.
Capisco che è tempo di volgere a nord e, complice un caro amico australiano in luna di miele in questo paese, mi dirigo a Mendoza.
L'arrivo di prima mattina è abbastanza traumatico. Una pioggia fina e edifici grigi. Le foglie degli alberi a terra. Un tram rosso.
La mente corre subito agli autunni milanesi e dopo una fugace malinconia rispunta il sorriso perché realizzo che sono qui per scoprire il mondo, viverlo, e non con la gola strozzata da una cravatta a vendere finanziamenti e obbligazioni.
È di questi giorni l'anniversario della mia partenza, due anni, trentacinque paesi e oltre 200.000 chilometri.
Solitamente non mi soffermo a guardare le foto della mia vecchia vita, le mostro a chi incontro nel mio cammino, ma nulla più.
No stavolta mi fermo a osservarla con attenzione. I chilometri li ho tutti li, non su una mappa, no. Nei miei occhi, nelle rughe del sorriso.
Guardo fuori dalla finestra, un timido sole appare tra le nuvole e le residue foglie gialle degli alberi.
Esco a fare un giro.
Mendoza è una bella città, con un parco cittadino gigantesco.
È da quasi tre mesi che non cammino per una città, l'ultima fu Santiago del Cile.
Sensazione strana, lo ammetto, dopo mesi in Patagonia.
Cammino per le vie del centro, ma poi alla fine finisco lì, nel parco cittadino.
Guardo gli alberi, i loro colori.
Da qui non si vede alcun edificio.
Sto meglio, forse avevo solo bisogno di tempo per abituarmi nuovamente al cemento e alle strade. Ad un luogo che per evadere non puoi farlo camminando perché ci vorrebbero ore.
Il giorno dopo ho una di quelle occasioni che capitano solo mettendosi in gioco e capitando nel luogo giusto al momento giusto.
L'amico australiano e sua moglie mi invitano ad una degustazione di vini per tutta la giornata. È un tour di lusso, di quelli che mai e poi mai mi sarei potuto permettere con il mio budget limitato.
Degustiamo sublini vini argentini: malbec, cabernet, persino un bonarda. L'armonia dei sensi coinvolti da questi calici riporta per un altro momento la mente all'Italia: qualche settimana prima di partire avevo aperto una bottiglia di vino speciale, una di quelle bottiglie importanti. L'avevo aperta e bevuta con quella che ritenevo essere una delle persone più importanti della mia vita. Una bottiglia di cui aspettavo una occasione giusta per aprirla. E poi mi sono ritrovato ad aprirla al momento dei saluti, troppo tardi per godersela davvero.
Ora sono qui con un caro amico dall'altra parte del mondo a brindare alla nostra vita davanti a calici importanti.
Perché non bisogna aspettare il momento giusto per aprire una grande bottiglia di vino. È la grande bottiglia di vino che rende l'occasione quella giusta.
Un po' come nella vita no? Il presente è ora, è inutile continuare a rimandare.

Brindo a me, a voi, al mondo.

Location (Map)

Tan linda que enamora...
Itaca ti ha donato il bel viaggio. Senza di lei no...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 16 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.