5 minutes reading time (979 words)

Viaggiare è come sognare: la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato.

Nashville

Il secondo grande appuntamento del mio personale coast to coast americano è la rotta verso sud, verso la Louisiana e New Orleans, culla del Jazz.
Prima, da Chicago, avrei dovuto raggiungere la zona del Tennessee dove nacque la musica anni 60 e l'ispirazione country.


Scelgo Nashville invece di Memphis perché proprio in questi giorni ha luogo il festival country e molti dei miei gruppi favoriti, tra cui i Black Keys, si sono trasferiti in questa città vivissima dal punto di vista musicale.
Alloggio in couch surfing da Jared,un tipico americano del sud che mastica tabacco e parla in modo incomprensibile. Dormo condividendo il divano con il suo cane e ai piedi una sputacchiera. In casa solo stivali da cowboy e nell'armadio un paio di fucili.
Ci siamo, ecco una vera esperienza americana al 100%.
Jared si rivela una persona eccezionale e mi porta in giro tutta la sera per bar locali dove la musica di qualità è dominante. Finiamo così a bere birre ascoltando gruppi dal vivo che si concentrano su musica e storie in stile Johnny Cash. Ottima atmosfera e musica di qualità ci fanno compagnia fino a tarda notte.
Ed è proprio Johnny Cash ed il suo museo a darmi il benvenuto a Nashville. Il grande cantastorie americano morì proprio qui nel 2003 e così la città ha deciso di tributarvi un museo. Sono scettico, vista la grande delusione della rock'n'roll hall of fame di Cleveland, ma non mi faccio pregare.
Altro che delusione, questo museo è davvero il giusto tributo ad una delle più importanti personalità musicali d'America, a mio avviso ben superiore rispetto ad Elvis. Nel museo trovano spazio oggetti appartenuti al cantante, strumenti musicali, abiti, premi e la sconfinata discografia. È piccolo, ma ci perdo quasi due ore tra i cimeli di uno dei più grandi musicisti di sempre.
Ad attendermi all'uscita oltre al caldo opprimente anche il festival country ed una schiera di stivali da cow boy che neanche in uno spaghetti western.
Non sono un gran fan del genere, ma devo ammettere che lasciarsi abbandonare a questi ritmi e coinvolgersi è stata un'esperienza molto bella che difficilmente scorderò.
Banjo, chitarra e contrabbasso qui la fanno da padrona per ballate che ricordano un tempo lontano.
Jared si rivela anche per utili consigli e vista la mia voglia di vera America mi suggerisce di deviare dal percorso delle autostrade e di raggiungere New Orleans percorrendo parte della Natchez Trace, un'antica via abbandonata di quasi 400 miglia divenuta oggi parco naturale.
Mai consiglio fu più azzeccato, mi ritrovo in una strada meravigliosa con ai suoi lati rigogliosi boschi di querce da poter attraversare attraverso gli innumerevoli sentieri.
Il telefono non prende e così mi ritrovo senza navigatore. Sulla via nessun villaggio, così sono costretto a percorrerla interamente e a trovare un luogo di fortuna dentro ad un bosco dove parcheggiare l'auto per dormire e mangiare qualcosa. È la sera del mio trentaquattresimo compleanno e mi ritrovo a festeggiare in un bosco in compagnia di scoiattoli e procioni ed una bottiglia di vino rosso italiano regalo di mamma durante la sua visita a Boston.
L'anno passato trascorsi il compleanno al campo base dell'everest, quest'anno è la volta di un bosco dell'Alabama.
Sono felice così, le correnti dell'universo mi hanno portato in quel bosco invece che a New Orleans, ma devo dire che l'imprevisto mi ha permesso un'esperienza straordinaria.
Mi godo il tramonto, il vino, la compagnia degli animali, da lontano scorgo un coyote, ma non ne sono certo a causa dell'oscurità e del rosso italiano.
Mi sento felice e vicino a tutte le persone a cui voglio bene. Il cellulare non prende ed è meglio così visto i numerosi messaggi che avrei letto il giorno dopo. Solo io e la natura in un equilibrio perfetto.
Mi sveglio all'alba e mi metto subito in moto verso New Orleans. Sulla strada mi fermo ogni tanto a percorrere piccoli trekking che mi portano in boschi fatati, laghi, cascate e radure infinite.
La strada, la musica, i boschi fino a New Orleans dove arrivo a tarda sera. Per la prima volta da quando sono sbarcato in Nord America non trovo un alloggio gratuito e così mi fermo, esausto dopo dodici ore di guida, in un ostello da quattro soldi.
New Orleans. Il sud americano, la città del jazz e un caldo pazzesco mi accolgono l'indomani.
La città è molto bella, specialmente la zona del quartiere francese, dove le case tipiche della Louisiana si presentano al massimo del loro splendore. Nonostante la furia dell'uragano Katrina che in una settimana, nell'agosto del 2005 fece quasi duemila vittime, la città si è ripresa egregiamente senza alcun segno di quella folle forza distruttrice.
Passeggio per la città, ma il caldo è davvero eccessivo e così dopo aver ascoltato alcune sessioni jazz per strada decido di avventurarmi in Bourbon street solo verso sera.
Ed è proprio la sera che la città si trasforma.
La via principale è un susseguirsi di locali in cui si trovano solo cover band suonare a volumi altissimi e altri club. Per la strada quasi esclusivamente turisti e neppure l'ombra delle sessioni jazz intraviste nel pomeriggio.
Fortunatamente incontro due ragazzi del luogo che mi portano in un locale poco distante dove posso godere di buona musica. La sessione è infinita, e mi perdo ad ascoltare questa musica che affonda le sue radici nella ricerca della libertà dalla schiavitù.
In una settimana sono passato dal blues al jazz, attraverso il rock ed il country, da nord al sud degli Stati Uniti.
Ne sono rimasto stregato, coinvolto completamente e quasi mi fermerei a ripercorrere quelle strade per settimane.
Ma il tragitto sconosciuto della Natchez Trace mi ha introdotto ad un altro aspetto dell'America, ancora più coinvolgente. I parchi naturali, la natura sconfinata che mi avrebbe atteso dal giorno dopo. Verso il Texas, il New Mexico, il Colorado e lo Utah. Verso il west.

Location (Map)

Sii sempre onesto con te stesso, non potrà che ren...
A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.