4 minutes reading time (820 words)

A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all'altra finchè non precipito.

Chicago

https://www.youtube.com/watch?v=PFHY0nf3hfQ


È un piovoso pomeriggio newyorkese quello in cui incomincio a ragionare sui miei futuri spostamenti. L'idea è di quelle audaci, riuscire ad attraversare l'America riuscendo a spendere pochissimo.
Nella mia testa sono convinto che con una buona organizzazione, tra car pooling e couch surfing sia davvero possibile.
Purtroppo tuttavia il car pooling non è percorribile, non è assolutamente sviluppato e le opzioni di relocation come in Australia non sono permesse ai cittadini non statunitensi.


Purtroppo gli Stati Uniti non sono una meta da viaggiatori zaino in spalla, a causa dei prezzi proibitivi e così devo inventarmi qualcosa. Potrei attraversarla in bus, ma i primi preventivi mi fanno venire la pelle d'oca. I treni sono pochi e molto costosi, non ho vie d'uscita.
Ad un certo punto mi viene in mente un idea, provando a cercare di noleggiare un auto da posti poco turistici e meno battuti. Un paio d'ore su internet ed ecco la soluzione: da Cleveland a Salt Lake City in quattordici giorni a bordo di un auto per 25 dollari al giorno.
Non male poiché la benzina costa pochissimo e l'auto si rivelerà un ottimo posto dove dormire qualora non fossi riuscito a trovare soluzioni in couch surfing. Sono fuori budget, ma risparmio ampiamente rispetto a tutte le altre ipotesi.
E poi l'America è da sempre un viaggio on the road, quindi prendo al volo l'offerta e inizio a ragionare sull'itinerario.
Le distanze sono vastissime, ma devo in qualche modo ammortizzare i costi oltre a voler godere al massimo di tutto ciò che l'America può offrirmi.
Credo che gli Stati Uniti siano un posto incredibile per la propria natura e poi per la musica. In Asia ciò che più mi era mancato è stata proprio la musica e qui finalmente potevo visitare posti dove erano nati generi e culture determinanti nella mia crescita personale.
La prima parte del mio viaggio si sarebbe concentrata proprio sulla musica con alcune tappe fondamentali: decido così di partire da Cleveland, dove ha sede la Rock and Roll Hall of Fame verso poi Chicago e l'Illinois, culla del Blues.
Cleveland è la classica città americana che ha conosciuto un grandissimo sviluppo grazie all'industria dell'acciaio e alla vicina Detroit, sede del distretto industriale dell'automobile. La grande crisi che ha colpito Detroit ha avuto pesanti conseguenze pertanto anche su Cleveland dimezzandone la popolazione negli ultimi anni.
Non che mi aspettassi dalla città, ma ci capito durante le finali NBA dove la squadra locale capitanata da Le Bron James sta lottando per il titolo. I biglietti hanno costi proibitivi così mi accontento di vedere gara 3 da un pub in compagnia di una birra.
Lo sport in America è più un occasione di incontro e di sbronza collettiva che altro e quindi mi godo la partita, ma non ne conservo un gran ricordo.
La grande delusione arriva tuttavia proprio dal museo dedicato al Rock'n'roll dove trovano spazio solo qualche chitarra e alcuni indumenti ormai icona degli artisti passati.
Per entrare a far parte di questo museo occorre che siano trascorsi 25 anni dall'uscita del primo album e che negli anni sia stata chiara l'influenza e l'importanza dell'artista in questione.
Non si capisce quindi come possano farne parte Lady Gaga o Katy Perry o come artisti del calibro di Johnny Cash abbia solo una piccola citazione in una vetrina. Il museo si concentra sui Beatles, sui Rolling Stones e su Elvis.
Nulla da dire, ma mi sarei aspettato di più su altri nomi assolutamente importanti.
L'impressione è che fosse più un museo/parco divertimenti per turisti che altro.
Mi muovo quindi verso Chicago dove ad attendermi il festival del blues. Il tempo è inclemente e temo una grande delusione.
Invece Chicago si rivela innanzitutto una meravigliosa città, connubio perfetto tra la cultura respirata a Boston e l'architettura di New York. Sulle rive del lago Michigan la città si sviluppa morbida per poi ergere grattacieli bellissimi nel centro finanziario. Le opere d'arte nella città non si contano e la maggior parte di esse nel bellissimo Millenium park.
E proprio in fianco al parco ha sede il trentaduesimo festival blues che fin da subito mi regala emozioni. Tantissimi i gruppi che sprigionano note su vibrazioni positive. Persone che ballano per la strada accompagnate da quel sound coinvolgente. Per un attimo mi sembra di essere nel film dei Blues Brothers dove chiudendo gli occhi potrei riaprirli e trovare persone iniziare balli coordinati. Il blues è diverso da tutti gli altri generi, mi prende, mi stravolge e mi coinvolge. Gli strumenti a fiato la fanno da padrona e riesco, con la mia intraprendenza, a ritrovarmi sotto ogni palco a poter godere in prima fila di queste energie positive.
È oltre un anno che non mi sento così coinvolto con il corpo e la mente all'unisono in una sensazione di benessere e leggerezza assoluta.

Questa è Chicago, questo è il Blues, questa è la musica, questa è l'America.
Quella che stavo cercando.

Location (Map)

Viaggiare è come sognare: la differenza è che non ...
Viaggiare è ben più che vedere luoghi: è un cambia...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.