5 minutes reading time (978 words)

Possa il vostro cammino essere tortuoso, ventoso, solitario, pericoloso e portarvi al panorama più spettacolare. Possano le vostre montagne elevarsi sopra le nuvole e superarle.

Tramonto sul rio delle Amazzoni - Brasile

Il lusso del tempo. Credo che possa essere sintetizzato così parte del mio viaggio. Il potersi muovere lentamente, assaporando il raggiungimento della meta attraverso un percorso di avvicinamento costante e quotidiano. Da quando sono partito dalla costa atlantica fino all'arrivo a Manaus sono passati dodici giorni.
Ma in realtà l'inizio, il percorso di avvicinamento è stato molto più lungo.
L'Amazzonia, il luogo che più desideravo conoscere in questo lato del mondo.
La prima volta che misi piede in una giungla avevo ventiquattro anni. Ero con mio padre nella foresta pluviale australiana. Ero eccitatissimo all'idea, ma allo stesso tempo terrorizzato nell'appoggiare piedi o mani in quel luogo così carico di insidie.
Così credevo, ma mi sbagliavo.

Era stata un'esperienza forte e adatta a combattere certe mie paure, i serpenti soprattutto. Non fu niente di così drammatico e anzi, camminare tra quella vegetazione mi diede un senso di libertà difficile da spiegare. Fu uno di quei tanti momenti collezionati in Australia che mi hanno permesso di essere qui, ora.
Passarono gli anni ed ebbi l'occasione di visitare anche la giungla più antica al mondo, il Taman Negara in Malesia.
Non solo, anche la giungla del Borneo, quella della Thailandia, quella cambogiana. E ancora altre nel continente americano, dal Guatemala all'Honduras, passando per il Costarica e poi la Colombia fino più a sud in quella boliviana.
Non credete a chi vi dice che tutte le giungle sono uguali, non è vero.
Certo ad una prima impressione superficiale possono apparire così, ma la realtà è ben diversa.
Per esempio in Malesia feci un trekking di tre giorni dormendo in accampamenti improvvisati e nelle grotte. Per terra tuttavia le radici degli alberi erano dappertutto e lo sguardo era fisso li. Questo impediva una visione più completa dell'ambiente intorno. In Bolivia ero stato ai confini con l'Amazzonia stessa, ma la vegetazione non era così fitta come qui in Brasile.
Proprio qui, a pochi chilometri dalla città di Manaus ho trascorso un'altra esperienza indimenticabile del mio viaggio intorno al mondo.
Sono stato ospitato da una famiglia indigena e ho trascorso cinque giorni nella giungla. Ci si sposta in barca, attraverso la moltitudine di affluenti del Rio delle Amazzoni. L'acqua è nera a causa dell'elevata presenza di magnesio e per i sedimenti della giungla. In effetti mentre si cammina non sembra di camminare sulla terra quanto su nuvole di foglie.
Il passo è lento e morbido. Intorno alberi di ogni tipo, fonte di medicine naturali. Scopro che proprio qui anche i colossi farmaceutici prendono contatti con gli sciamani per scoprire nuove proprietà curative delle piante.

Il verde è intenso e contrasta con le acque nere e il cielo azzurro.
La stagione è perfetta, piove solo una volta al giorno e neppure tutti i giorni. Le acque dei fiumi sono quindi basse e permettono di scorgere facilmente gli animali, anche se l'impenetrabilità della foresta non aiuta in ogni caso gli avvistamenti. Con la mia guida, Thiago, decidiamo di effettuare trekking anche fuori dai circuiti tradizionali, aprendoci la strada a colpi di machete. È facile perdere il senso dell'orientamento in questa natura rigogliosa perché il sole si intravede sottile tra i rami degli alberi altissimi. Ma la forza di quei raggi che filtrano ha un impatto forte su di me, sui miei pensieri, sulla mia anima ormai stregata dalla Pachamama.
Fin dall'inizio del mio viaggio, fin da bambino avrei voluto essere qui, visitare questi luoghi ancora incontaminati.
L'aspetto che tuttavia più mi ha colpito non è stata solo la natura. È stato condividere questi giorni con la meravigliosa famiglia che mi ospitava. Gente onesta, lavoratori che organizzano le loro giornate in funzione del ciclo naturale. Il padre andava a pesca all'alba. La madre e la nonna cucinavano tutto il giorno. Il nonno organizzava i lavori di manutenzione nella fazenda, aiutato da un ragazzo che viveva li vicino.
I due figli maschi portavano noi, ragazzi per nulla avvezzi a quei luoghi, a scoprire la foresta, con un piglio ed una competenza unica, ma anche con tanta allegria ed un sorriso che mai mancava. La sorella andava a scuola, con una barchetta in legno, e la sera si occupava del piccolo nanerottolo di casa, il figlio di un loro cognato abbandonato dalla madre. Quella piccola peste era la mascotte della famiglia, girava a piedi scalzi per la giungla e si buttava da tutte le parti. Mi fermo a pensare a come le nuove generazioni di genitori privino i propri bambini di questa crescita naturale, ansiati come sono da mille paure e proibendone l'approccio ingenuo alla natura. Vedendola anzi quasi una minaccia.
Io fortunatamente non ho avuto genitori così, la natura mi hanno sempre insegnato a viverla e a rispettarla.
Ed è per questo motivo che oggi mi sento a mio agio anche in un territorio non mio, senza fermarmi a pensare ai pericoli e le insidie, ma godendo di ogni singolo momento trascorso in quell'eden.
E infine, come se non fosse sufficiente questa abbuffata di natura, l'ultimo giorno vi è una forte tempesta, acqua che scende da ogni dove, pioggia che così intensa avevo vista solo nel periodo dei monsoni in Nepal. Le persone che si radunano in casa, i cani che si stringono vicini per farsi caldo al riparo di una tettoia, le galline tutte unite sotto un tavolo.
E poi... poi tra un tuono e l'altro, un gemito sottile si fa largo. Dentro un vecchio forno in disuso trova riparo una cagna gravida che, forse con la complicità della pioggia, decide che è il momento di partorire i suoi tre cuccioli.
Eccolo il miracolo naturale, il miracolo quotidiano della vita. Mi brillano gli occhi e mi metto come uno scemo a danzare sotto la pioggia, d'altronde anche ai tempi della traversata in barca tra Panama e la Colombia la pioggia era benedetta perché ci permetteva una doccia rigenerante.
Guardo il mondo intorno a me, è uno spettacolo meraviglioso.

Location (Map)

Non si può essere infelice quando si ha questo: l’...
Perché è così che ti frega la vita. Ti piglia quan...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.