3 minutes reading time (695 words)

Perché è così che ti frega la vita. Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più.

Bonito - Brasile

Dopo aver assaggiato le coste e soprattutto le spiagge brasiliane è giunto il momento di volgere verso il centro del paese attraverso un viaggio lungo e impegnativo che mi porterà fino all'Amazzonia, per certi versi il cuore stesso di questo sudamerica di cui ho apprezzato soprattutto la Pachamama, la natura.
D'altronde la Patagonia mi aveva stupito, ma a priori non potevo immaginare che l'impatto fosse davvero tanto forte. In questo caso invece, è fin dai giorni in cui, a casa, stavo pianificando il viaggio, che ci avevo posto la "bandierina". Arrivare fino a Manaus senza aerei non è complicato, tuttavia occorre tanta pazienza perché il viaggio è lunghissimo.
A dirla tutta nemmeno so con certezza quando arriverò perché le informazioni raccolte su internet sono diverse e molto frammentarie.

Ipotizzo dai sei ai dieci giorni.
Sostanzialmente il tragitto attraversa tutto il Pantanal, una regione pianeggiante che costeggia il Paraguay e la Bolivia, caratterizzato da agricoltura massiva e boschi.
Il paesaggio è quindi molto bello, ma piuttosto noioso.
Sulla strada decido di fermarmi a Dourados, crocevia per la visita ad uno dei luoghi più belli e inconsueti del Brasile: Bonito.
Ne ero venuta conoscenza grazie ad un ragazzo con cui condividevo la stanza in ostello quando mi trovavo nella capitale paraguaiana Assuncion.
Come sempre seguo le correnti universali e anche in questo caso non mi sono sbagliato.
Bonito, il cui nome deriva dall'omonimo fiumiciattolo che scorre vicino, è un tranquillo paese nei boschi.
Il paese in se è carino, ma nulla di speciale. Mi informo poco, anzi pochissimo.
Seguo alla lettera le indicazioni del mio amico brasiliano e così, il giorno successivo mi ritrovo di primissima mattina ad esplorare una grotta chiamata grotta azzurra. Nel mezzo di un fitto bosco cammino circa venti minuti per arrivare ad una montagna, alla cui valle si apre questa grande caverna. La vegetazione è rigogliosa intorno, ma già si possono scorgere le prime stalattiti e stalagmiti. Già di per se l'apertura è impressionante e basterebbe questa per giustificare una visita. Invece sì scendono dei gradini ricavati dalle rocce e circa trecento metri più giù si scorge una sorta di lago sotterraneo in cui al mattino filtra diretta la luce del sole. Grazie all'alta quantità di magnesio e altri minerali l'acqua è incredibilmente trasparente e prende un colore blu intenso. Anzi, a dirla tutta si possono osservare tre diverse e ben distinte tonalità dello stesso. Pare che la grotta risalga a circa due milioni di anni fa e si possano trovare resti fossili di creature preistoriche tra cui tigri dai denti a sciabola e bradipi giganti. Forse è per questo che uno dei simboli di Bonito sono Sid e Diego, i protagonisti del film "L'era glaciale".
Mi perdo ad osservare questo tesoro nascosto e rifletto ancora di più sulla magnificenza della natura: alla sua capacità di sorprendermi sempre di più.
Non posso fermarmi tanto tuttavia perché le visite sono solo al mattino e occorre rispettare i turni. Scatto qualche foto, giro il mio video e sono nuovamente in alto a camminare nel bosco.

A pochi chilometri di distanza viene offerta l'opportunità di immergersi nel Rio Bonito e così, avendo ancora tutta la giornata a disposizione accetto di buon grado. Questa volta la camminata è più lunga e sulla strada incrocio un gigantesco tapiro.
Al lato del sentiero incomincia a intravedersi il torrente e la trasparenza dell'acqua è impressionante.
Mai avevo visto acqua dolce così limpida e trasparente. Si potevano tranquillamente osservare pesci a decine di metri di profondità. La vegetazione intorno faceva il resto con incredibili giochi di luce e colori.
L'immersione si svolge intorno ad una buca profonda, di colore blu, e intorno i riflessi verdi degli alberi e azzurri del cielo. Sembra un quadro impressionista, tipo quelli di Monet, uno dei miei artisti preferiti, con quella moltitudine di tocchi di pennello.
La natura in fondo, proprio questo è, un'opera d'arte, un'opera che se l'uomo rispetta rimarrà in eterno, li pronta ad essere ammirata.
Questo è stato il mio antipasto di Amazzonia, ora devo riprendere la strada, lunghissima, ed arrivare fino a Manaus. Ho tante aspettative su questo luogo e la consapevolezza, quando si tratta di natura, che non verranno disattese.

Location (Map)

Possa il vostro cammino essere tortuoso, ventoso, ...
Chi non si muove non può rendersi conto delle prop...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.