Fa che sia il tuo cuore a scegliere la meta, e la ragione a cercare la via.

Pashupatinath

Piano piano, giorno dopo giorno sto tornando a riassaporare quei momenti che ho trascorso negli ultimi anni a viaggiare, con una meta in testa, ma con lo spirito e il cuore aperto a mille variabili sulla strada. Le prime settimane a Kathmandu sono proprio questo, il ritrovamento di una sorta di equilibrio che io raggiungo solo una volta nomade. Una ulteriore consapevolezza nel sentiero della mia vita.

 

Pashupatinath è il più importante sito induista di tutto il Nepal, ed è antichissimo. La sua fondazione è legata a tante leggende tra cui quella in cui pare che Shiva un giorno assunse le sembianze di un'antilope e prese a giocare nella foresta sul lato est del fiume Bagmati. Gli dei lo raggiunsero prendendolo per le corna ed imponendogli di tornare ad assumere le sue sembianze divine, ma una delle corna si spezzò. Il corno rotto fu venerato come lingam, ma più tardi fu sotterrato e perduto. Alcuni secoli dopo un pastore vide che una delle sue mucche spandeva per terra il proprio latte. Il pastore iniziò a scavare in quel punto e riportò alla luce il lingam di Pashupatinath.

La sua intrinseca importanza è dovuta sostanzialmente alle cerimonie di cremazione che avvengono sui ghat, i gradini, che compongono le sponde del fiume Bagnati, il corso d'acqua che taglia in due Kathmandu.

Persino gli antichi membri della famiglia reale nepalese venivano cremati in questo luogo.

Ricordo che uno dei primi siti che visitai nella capitale nepalese tre anni fa fu proprio Pashupatinath. Premesso che non sapevo neppure pronunciare correttamente il nome, ero attratto più dalla sua nomea di “Patrimonio dell’Umanità UNESCO” che per il suo intrinseco valore spirituale.

Una nuova visione della vita e della morte

Fu il mio  primo approccio con la visione della morte nella religione induista. Il vero senso lo percepì poi a Varanasi, in India, quasi tre mesi dopo, ma quel primo assaggio fu molto importante. Mi fermai a chiacchierare con le persone come è facile da queste parti e iniziarono a spiegarmi della Moksha, della reincarnazione,dell’anima che soffre. Ma più di ogni altro della morte, come parte integrante della vita, come l’altra faccia della medaglia. Morte da accettare senza rassegnazione o disperazione ma come tributo supremo alla vita. Sono concetti molto distanti dalla nostra mentalità ma in un certo senso fecero breccia e quando poi mi ritrovai di fronte al tragico momento della scomparsa di mio padre qualche mese dopo, questa realtà così diversa dalla nostra mi aiutò a superare il momento e ad affrontarlo con la giusta accettazione.

Oggi torno a Pashupatinath e vedo i turisti che si fanno i selfie sulle sponde del fiume, elargiscono rupie ai foto Baba, parlano a voce alta calpestando la sacralità di questo luogo.

Molto è anche colpa del Nepal che non istruisce adeguatamente le persone su quello che li aspetta una volta varcata la porta principale.

G0031033

Io mi siedo in parte, in uno dei tanti tempietti sulla sponda opposta alle cremazioni. Mi fermo e osservo. Mi sembra di vedere un vecchio film: forse questo è davvero l’unico punto della città a non essere cambiato. Mi perdo a pensare, immaginare fin quando si avvicina un Baba, gli dico che non ho intenzione di sganciarli rupie per una foto e che non sono un bideshi, un turista.

Lui ride e si siede di fianco a me. Arma un chilum ed iniziamo a fumare. Mi racconta che questo è stato l’unico luogo di Kathmandu a restare perfettamente intatto durante il terremoto del 2015. Lui era lì, presente, che vedeva la terra muoversi e i templi restare in piedi. Nelle urla di disperazione che si sentivano dalla città Pasupatinath era rimasta intonsa.

Alla fine mi regala una collana di rudre, una specie di mala composto dalle noci di un frutto sacro a Shiva, e mi saluta dicendo che si ricordava di me.

Alla fine qualche rupia la ottiene, se è stato un bravo imbonitore sicuramente è riuscito nel suo intento, viceversa è la magia e la spiritualità di questo luogo ad aver fatto il resto.

Hari Om.

 

Location (Map)

La cosa più difficile è la decisione iniziale di a...
Ci sono sempre mille soli al di là delle nuvole.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 13 Dicembre 2017
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Mi chiamo Claudio, ho 36 anni, sono stato un bancario per caso, mentre sono sempre stato un viaggiatore per passione. Razionale, ma anche sognatore, amo la vita e credo fortemente che la stessa possa regalare alle persone che inseguono le proprie passioni le opportunità di realizzare i propri sogni.

Resta aggiornato!

Iscriviti alla newletter

© Copyright 2017 TripTherapy di Claudio Pelizzeni, All Rights Reserved - Powered by Marco Salvatori Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.