5 minutes reading time (985 words)

Le buffe e ironiche statue Rakan di Kyoto

Rakan

Quando viaggio mi concedo spesso visite a luoghi insoliti e per nulla conosciuti, un po’ per evadere dai classici itinerari turistici e un po’ anche perché mi piace il gusto della scoperta, del nuovo, del poter portare a casa un pezzettino della mia personale ricerca ed esperienza.

 

IMG 5850 L’ultimo viaggio in Giappone non poteva assolutamente   precludere qualcosa del genere specialmente poiché mi   sono concentrato su una zona prettamente turistica e molto   frequentata. Necessitavo l’insolito e non le abituali   cartoline.  Ho effettuato due volte il tragitto Tokyo - Kyoto,   con soste nella città di Nara e al sacro monte Koya San.

 Ma il Giappone non è una terra semplice per lo straniero: le   barriere linguistiche innanzitutto, e non solo. I giapponesi   sono giustamente molto gelosi della propria cultura e non è   facile, in poco tempo, ritrovarsi a visitare luoghi e santuari   fuori dalle rotte indicate dalle guide lonely planet.

 Tuttavia per i miei viaggi di gruppo ho deciso di invitare con   me una persona che ha dedicato tantissimi dei suoi viaggi   alla terra del Sol Levante e che ha, in qualche modo,   vissuto il Giappone a diretto contatto: Rudy Vianello. Era   l’unico modo per offrire qualcosa di unico e originale alle   persone che si erano affidate al sottoscritto per esplorare   queste terre tanto affascinanti.

  Rudy nella sua pagina e nel suo canale Youtube ha da   sempre posto l’attenzione sul Giappone, cercandone di   carpire i segreti e le stranezze.

  Quando pianificavamo insieme l’itinerario ricordo che mi   suggerì di dedicare un’intera giornata alla zona di   Arashiyama vicino alla famosa foresta di bambù. Ricordo di   aver letto che quella foresta non è un granché in realtà e   inoltre, pullula di visitatori tutti i giorni a tutte le ore. Quindi   ero scettico, ma Rudy mi disse che poco distante vi è una   zona molto bella e poco visitata, dove, in cima ad una   strada di collina, adagiato sul versante di una verde   montagna, vi era un tempio del tutto particolare con circa   1200 statue di discepoli di Buddha, alcuni davvero buffi e   divertenti in quanto tenevano in mano una racchetta da   tennis, piuttosto che un walkman o addirittura intenti   a bersi un sake.

 “Che figata!” pensai, e così mi affidai totalmente al buon   Rudy e alla sua intuizione.

 

Il viaggio in Giappone e le sue scoperte

In effetti la mattinata trascorsa nella foresta di bambù non mi ha entusiasmato, credo che in questo caso specifico i giapponesi siano stati molto bravi a creare un luogo turistico dove in realtà c’e ben poco da vedere e soprattutto la foresta stessa è una accozzaglia di gente senza senso.

Ma nel pomeriggio ci dirigiamo proprio verso alcuni templi meno conosciuti e quello che mi rimane più impresso è il tempio Otagi Nenbutsu-ji.

 

EZDJ3567.jpg   BESQ6447.jpg   ATQW7899.jpg    AQWF1560.jpg

La sua storia è sfortunata e allo stesso modo molto affascinante: il tempio originale non fu costruito ad Arashiyama, ma nel quartiere di Higashiyama, nel 770. Essendo vicino alle acque del fiume Kamo, fu letteralmente spazzato via durante un’inondazione. Verso la fine dell’ottavo secolo fu ricostruito come appendice del santuario Enryaku-ji ad Arashiyama. Ma anche in questo caso non ebbe fortuna e fu praticamente raso al suolo durante una guerra civile. Ciò che rimase fu il salone principale, il portale e la sala Jizo. Nel 1922 venne trasferito dove si trova ora, ma nel 1950 un tifone lo abbattè.

Ormai a causa di tutte queste travagliate calamità naturali, l’Otagi Nenbutsu-ji si guadagnò la fama come uno dei templi più sfortunati del Giappone. Ma proprio per scongiurare eventuali future disgrazie si decise di allestire l’intero tempio con statue di rakan.

L’idea venne a Kocho Nishimura, capo del santuario. Questi, che oltre ad essere un monaco era anche un abile scultore, decise di far scolpire ai discepoli frequentatori del tempio la propria statua.

Sotto la sua guida presero forma oltre 1200 statue Rakan, che rappresentano i discepoli di Buddha, e furono collocate nel tempio tra il 1981 e il 1991. Ad osservarle sembrano molto più antiche ma ciò in realtà è dovuto al muschio.

FJEL8412.jpg   ICGU3172.jpg

MA COSA LE RENDE DAVVERO ORIGINALI E IMPERDIBILI?

Ogni statua è caratterizzata da un proprio stile essendo state realizzate da diversi scultori. La loro unicità deriva anche e soprattutto dalle espressioni e dalle pose dei soggetti: ci sono statue a testa in giù, statue con guantoni da boxe, chitarra, racchetta da tennis e addirittura due rakan che brindano alticci con una bottiglia di sakè. L’aggiunta degli oggetti è probabilmente identificativa dello scultore e della sua vita.

Un tempio dalla lunga storia, travagliata e sfortunata, che oggi gode di nuovo lustro proprio per l’intuizione di dargli un carattere ironico sebbene all’interno di un contesto assolutamente sacro che vi farà venire voglia, dopo esservi scattati gli opportuni selfies, di sedervi ai margini del santuario principale e respirare quell’aria tranquilla, meditativa, che solo un tempio poco conosciuto e visitato può darvi.

È facile perdere la cognizione del tempo e sentirsi soprattutto osservati da tutti quei volti ricoperti dal muschio: ci sono ovviamente anche rakan molto più seri intenti a recitare sutra, ma non mancano Rakan intenti a giocare con un gatto e addirittura uno con in mano un prosciutto, altri ancora sono intenti a schiacciare un pisolino.

 IMG_E5856.jpg       IMG_5868.jpg       IMG_5859.jpg

Negli ultimi trent’anni il tempio ha vissuto un periodo tranquillo, quindi i Rakan stanno a tutti gli effetti adempiendo al loro compito con diligenza, ovvero proteggere l’Otagi Nenbutsu-ji. Nella speranza che gli stessi Rakan continuino nella loro missione di protezione dell’Otagi Nenbutsu-ji ancora a lungo.

Questo tempio insieme a tanti altri sarà la meta dei miei viaggi in Giappone nel 2019 tutti a cavallo della primavera e dell’hanami ovvero la fioritura dei ciliegi.

Se volete scoprire il Giappone insieme a me clicca qui!

IMG_E5862.jpg     IMG_E5861.jpg

 

     IMG_E5858.jpg        QHUM3306.jpg

 

    ONQN7542.jpg    NXBC6446.jpg

 

LONL6571.jpg   KMSW2951.jpg

 

KFPF7876.jpg    KCCW6920.jpg

 

JCDU4854.jpg   IXVR3413.jpg   IMG_E5867.jpg

 

 

Location (Map)

La libertà è sovrana e noi siamo felici in ogni an...
Le mille luci di Tokyo

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 18 Luglio 2018
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Mi chiamo Claudio, ho 36 anni, sono stato un bancario per caso, mentre sono sempre stato un viaggiatore per passione. Razionale, ma anche sognatore, amo la vita e credo fortemente che la stessa possa regalare alle persone che inseguono le proprie passioni le opportunità di realizzare i propri sogni.

Resta aggiornato!

Iscriviti alla newletter

© Copyright 2018 TripTherapy di Claudio Pelizzeni, All Rights Reserved - Powered by Marco Salvatori Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.