5 minutes reading time (966 words)

Il Giappone e la sua cucina: è la migliore del mondo?

sushimi

Visitare e vivere il Giappone senza dedicarsi al cibo tradizionale è una vera e propria bestemmia esperienziale. Sì perché ovviamente questa terra è sì ricca di templi, santuari, paesaggi, cultura, grattacieli, luci e stranezze varie, ma è anche, udite udite, la miglior cucina al mondo dopo l’Italia.

Attenzione, è ovviamente una mia personalissima e opinabile opinione, tuttavia ho potuto visitare ben 76 stati nella mia vita e, avendoli attraversati quasi tutti “on budget”, cioè con pochi soldi, posso permettermi di confrontarli in maniera equilibrata  mettendo a confronto proprio i piatti tipici della tradizione, quelli poveri per intenderci, che tra l'altro oggi i grandi chef hanno iniziato a rielaborare.

 

IMG_4678.jpg

NON SOLO SUSHI

Partiamo da un presupposto: il Giappone non è solo sushi. Certo, nell’immaginario collettivo c’è ben poco oltre un bel nighiri, ma la realtà è poi fortunatamente ben diversa.

Partiamo dalla mia forte dichiarazione, ovvero che è la miglior cucina che io abbia provato fuori dal Bel Paese: ci sono tante cucine succulenti e intriganti ma perché mi ha colpito proprio il Giappone?

Semplice, per la sua diversità e varietà territoriale. Perché mangiare un ramen a Tokyo non è lo stesso che a Kyoto, esattamente come mangiare una carbonara a Roma rispetto a un’altra città italiana. E non è lo stesso mangiare il pesto in Liguria o in un’altra regione. In Giappone è esattamente così, perché riuscire a trovare un okonomiyaki a Tokyo è difficile mentre in ogni angolo della prefettura di Kyoto non mancano mai. Per non parlare poi delle polpette di polpo, oppure dello spiedino di granchio, o ancora le patate di Nara.

IMG_3778.JPGpolpetto di kyoto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciò che ho notato maggiormente in terra nipponica è la maniacale cura del dettaglio. Nessuno si improvvisa, anzi, sono tutti iperspecializzati, forse troppo. Vi faccio un esempio: nella capitale, all’interno del quartiere di Ueno avevo trovato un ottimo ristorante di tempura, era diventato il mio preferito e un appuntamento fisso ogni qualvolta tornavo tra quelle vie. Il gestore è un anziano signore che da oltre cinquant’anni cucina tempura. Ogni movimento è meccanico, ripetuto in maniera quasi maniacale per servire ogni singolo piatto. E ognuno di quei piatti è semplicemente perfetto, equilibrato, composto in maniera armonica, con una croccantezza e leggerezza impareggiabile.

È difficile entrare in contatto realmente con la popolazione locale perché in Giappone la barriera linguistica è un ostacolo difficile da superare ma sono riuscito talvolta ad approfondire alcuni argomenti culinari con persone del luogo. Per esempio, parlando del famoso sushi ho scoperto che il vero segreto sta nel riso e nella sua preparazione. Ed il riso è talmente importante che per diventare cuoco di sushi occorre trascorrere circa tre anni nelle cucine solo ed esclusivamente preparando riso.  È la cura dei dettagli oltre alla freschezza e qualità della materia prima a fare realmente la differenza. ORG_DSC08010.JPG

Personalmente sono abituato a provare qualsiasi cosa da mangiare e ho uno stomaco decisamente forte, tuttavia talvolta in giro per il mondo mi assalivano dubbi per le pessime condizioni igieniche che talvolta incontravo, specialmente in Africa o India. Ebbene la figata più grande del Giappone a mio avviso è proprio questa, ovvero che, grazie alla maniacale pulizia, ci si può permettere di assaggiare qualsiasi cosa con il solo rischio di incontrare un gusto non piacevole. Nessuna malattia, nessuna intossicazione, al più la possibilità di scoprire gusti e ricette nuove.

Ma quanto costa mangiare in Giappone?

Ora lo so cosa state pensando… Giravo il mondo senza un soldo in tasca e ora faccio lo spendaccione per le via di Tokyo degustando yakisoba o katsudon… Niente di tutto questo, a dispetto di ciò che ci si immagina dalle nostre parti, il Giappone è uno dei luoghi più economici al mondo dove mangiare. Vi dirò di più, se lo confrontiamo con tutti i paesi del cosiddetto primo mondo, ovvero quelli che “teoricamente” sono i più sviluppati, il Giappone primeggia per qualità e economicità. Il motivo? presto detto, le abitazioni giapponesi sono piccolissime e minimali e spesso la cucina è il primo luogo che viene sacrificato. I giapponesi spesso trascorrono tutta la giornata fuori casa per lavorare alienati come sono da questa vita stressata che gli compete. Quindi la quasi totalità delle persone, nelle grandi città mangia fuori. Vi basterà andare in un ristorante tipico (evitate cortesemente quelli turistici vi prego…. è facile, basta guardare i menu e scartare quelli con le bandierine o i menu tradotti) e pranzerete con 7/8 euro. Lo stesso vale per il sushi, potrete sfondarvi di nighiri a meno di 15 euro.

IMG_4190.jpg

Chiaramente vi sono ristoranti di altissimo livello e classe dove arriverete a pagare anche 12 euro per un singolo nighiri ma quelli ahimè non li ho mai potuti provare! Osservate camminando per le strade quali locali sono maggiormente frequentati da giapponesi e non fatevi spaventare dai menu incomprensibili , la maggior parte di essi ha delle immagini per aiutarvi a scegliere oppure fatevi aiutare dalla tecnologia! C'è un app utilissima di Google Translator che permette di fotografare una scritta, una etichetta e ottenere tutte le informazioni tradotte nella nostra lingua. Certo, a volte serve un po' di fantasia ma come vi ho scritto sopra, nel peggiore dei casi vi capiterà una pietanza che non vi aggrada ma nulla di più. 

Insomma il Giappone ha una cucina ricca, leggera, nutriente ed economica, è una esperienza assolutamente da provare almeno una volta nella vita!

E per voi qual è la cucina più buona che avete mai provato all'estero? Scrivetemelo sotto nei commenti, sono curioso... voglio provarle tutte!!!!!

 

Se vuoi venire in Giappone con me sono aperte le iscrizioni ai viaggi 2019, trovi gli itinerari, le info, i costi e le modalità di iscrizione CLICCANDO QUI!

ATTENZIONE! I POSTI SONO GIÀ IN ESAURIMENTO

 

Location (Map)

La libertà è sovrana e noi siamo felici in ogni an...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 18 Luglio 2018
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Mi chiamo Claudio, ho 36 anni, sono stato un bancario per caso, mentre sono sempre stato un viaggiatore per passione. Razionale, ma anche sognatore, amo la vita e credo fortemente che la stessa possa regalare alle persone che inseguono le proprie passioni le opportunità di realizzare i propri sogni.

Resta aggiornato!

Iscriviti alla newletter

© Copyright 2018 TripTherapy di Claudio Pelizzeni, All Rights Reserved - Powered by Marco Salvatori Design

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.