4 minutes reading time (730 words)

Educa i tuoi occhi: sono stati creati per scorgere anche al di là di ciò che pensi

San Francisco

Le luci, i rumori, il lusso, il denaro, lo sfarzo, la finzione, la musica, il gioco d'azzardo, l'alcool, le prostitute, i tossici strafatti di crack.
Las Vegas, sin city. Mi ha sinceramente lasciato un grande vuoto questa città americana nel cuore del Nevada. È lo specchio della bigotta America. Un luogo dove tutto è concesso, nel bel mezzo di un deserto, mentre il resto della nazione proibisce con ipocrisia. È una valvola di sfogo, tipicamente americana.
Il mio viaggio riprende lasciandola alle spalle e sembra quasi magia poter attraversare dopo poche ore di strada la valle della morte. Un deserto aridissimo, dove non si vedono neppure cespugli. Il sole è accecante e il caldo opprimente. È desolante, ma paradossalmente trasmette tranquillità. Distese di roccia, terreno secco che apre piccole voragini, dune di sabbia dove finalmente tira un po' di vento. Un coyote pellegrino zampetta per una pianura sterminata. Di cosa si nutrirà? Come potrà abbeverarsi? Come sempre di fronte alla natura l'uomo si fa piccolo poiché se abbandonato a se stesso in un luogo del genere non sopravviverebbe che poche ore.


E ancora più piccolo si fa di fronte allo spettacolo naturale del giorno seguente: il parco naturale delle sequoia giganti. A poca distanza da una delle valli più aride al mondo si ergono infatti montagne che, ricevendo l'aria direttamente dall'oceano pacifico e la costa californiana, permettono la crescita di fitti boschi popolati dagli alberi giganti. L'aria si fa fresca, frizzante. Il paesaggio dall'ocra dirada fino ad uno smeraldo intenso.
Ai lati della strada appaiono i primi giganteschi tronchi e la visione del cielo indaco attraverso questi altissimi rami è leggiadra.
È uno dei parchi maggiormente visitati, ma l'impatto del turismo è lieve e non disturba.
Ciò che più mi ha colpito è stato il cammino all'interno del senato, ovvero un sottobosco chiamato così per la presenza degli alberi più grandi al mondo. Piante millenarie, capaci di sopravvivere agli infiniti cambi di clima e agli incendi frequenti di questa area. La potenza di madre natura è prepotente e straripante in questo angolo del mondo.
Mi siedo sopra le radici, poi mi distendo e mi perdo a intravedere il cielo.
Vicino a me passa un piccolo orso grizzly e mi preoccupa solamente il fatto che possa essere vicina la madre, ben più grande e pericolosa.
Ma è solo e dopo pochi minuti si allontana indifferente.
Vorrei fermarmi a lungo nel parco, il benessere si respira nell'aria, ma mi ritrovo sulla strada, verso San Francisco, verso la California.
A San Francisco giunsi per la prima volta dodici anni fa per un programma di studio grazie all'università con cui riuscii a trascorrere due mesi nel campus della prestigiosa università di Berkley.
Fu il mio primo viaggio intercontinentale e soprattutto il mio primo viaggio da solo, indipendente.
Ricordo perfettamente la frustrazione e l'ansia appena arrivato. Non parlavo bene inglese e mi ritrovai catapultato in una nuova realtà.
Ci misi pochi giorni ad ambientarmi e allora non capii ancora che quella frastornazione da arrivo sarebbe diventata nel giro di qualche anno la mia droga.
Tornare in questa bellissima città dai connotati europei era pertanto carico di significati. Stavolta ho potuto apprezzare maggiormente l'architettura e le strane vie in salita e discesa della città. Ormai ho attraversato tutta l'America del nord e questo mi ha permesso di cogliere maggiori sfumature.
Inoltre ho avuto la possibilità di trascorrere la festa di indipendenza americana a casa di un caro amico proveniente dalla mia città che da questa parte del mondo ha costruito una bellissima famiglia. Chiacchiere da viaggiatori, da compaesani, e poi abbracci sinceri. Bello vedere la realizzazione delle persone soprattutto quando provengono da una realtà provinciale e chiusa come la nostra.
Trascorro una giornata sull'oceano Pacifico, in una spiaggia vicino al famoso ponte Golden Gate.
Lo fisso, lo scruto. Di là dal mare vi è l'Asia e l'Australia, quella prima parte del mio viaggio. Nella testa scorrono le immagini di quei giorni e i pensieri si fanno malinconici.
Sono di nuovo dove un cargo mercantile mi ha scaricato due mesi fa dopo un interminabile viaggio di ventisei giorni, solo un po' più a sud.
Sono ancora qua, a guardarlo. A guardare quel l'orizzonte che per quasi un mese era sempre uguale, ma che pian piano si spostava.
Ora mi muovo proprio verso sud, con la testa verso quei nuovi orizzonti, ogni giorno un po' più in là.

Location (Map)

Le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi che f...
I VERI VIAGGIATORI, NON SONO PERSONE RICCHE, MA CU...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.