4 minutes reading time (742 words)

Dovrai cercare di andare piano. Dovrai imparare tutto daccapo.

New York city

New York City.
Ci arrivo all'alba, in una giornata uggiosa. Con il bus da Buffalo vengo scaricato sull'ottava strada, incrocio con la 44. È talmente presto che decido di camminare fino al mio alloggio, in Battery place, di fronte alla statua della libertà. Sono circa sette chilometri, ma lo zaino non mi pesa, ho troppa voglia di scoprire questa città. Questa città che tutti decantano, questa città scenografia di film memorabili, nota di cuore di canzoni leggendarie.
Inizio a camminare, mi guardo in giro, sono vicino a Times square. Le vie sono sporchissime, la gente urla e guarda di traverso. L'accento sembra provenire direttamente dai videoclip musicali. Brutte facce a dir la verità. Sembrano incarogniti e la maggior parte di questi sono vagabondi. Per necessità e non per scelta come me. Mi sento per la prima volta a disagio.


Mi guardo in giro, non credo ai miei occhi. New York è orrenda, come può la gente definirla una città meravigliosa?
Sono frastornato e deluso.
Cammino per due ore, lo zaino incomincia a pesare.
Arrivo a casa di un carissimo amico, ci conosciamo da oltre vent'anni. Mi accoglie nel suo appartamento di Manhattan, con un abbraccio fraterno e un'abbondante colazione.
Non mi esprimo ancora sulla città, poiché mi sento in qualche modo scioccato.
Il tempo di una doccia e decido di offrire alla grande mela la meritata seconda possibilità.
Il cielo si è schiarito, ora è terso.
Orientarsi è semplicissimo e mi ostino a non utilizzare mezzi di trasporto, volendo lasciarmi coinvolgere a 360 gradi.
Mi butto nelle strade, un reticolato i cui grattacieli ne delimitano il labirinto. Il cielo di intravede soltanto, ma la luce riflessa nei grattacieli è accecante. Le strade ora sono pulite, nessuna traccia del lercio trovato solo poche ore prima.
La gente, le facce, son diverse. Ora mi sembra di essere dentro a un film.
Per strada, nei bar, nei negozi sembra che ognuno abbia fatto la comparsa nei film della mia vita.
L'architettura è rigida e pesante, ma il quadro d'insieme è assolutamente armonioso e leggero.
Passo vicino al memorial 9/11 ovvero il luogo dove un tempo sorgevano le torri gemelle. Non c'è spazio per pacchianate americane, ora vi è uno spazio sobrio volto più alla riflessione che a mostrare i muscoli. Le immagini di quel giorno scorrono nella mia testa mentre attraverso la piazza adornata con quasi tremila querce bianche. Una per ogni caduto, e un albero di pere, incredibilmente sfuggito a quell'inferno e oggi rappresentazione della speranza. Ai lati ora sorgono nuovi grattacieli tra cui la Freedom Tower, il più alto edificio newyorkese.

Ho tuttavia bisogno di natura, così entro a Central Park. I grattacieli ora sono solo sfondo a piante rigogliose. I rumori, le grida sono lontane.
A quest'ora la città è viva e il cielo finalmente è terso. Da lontano vedo l'Empire State Building, un mito per la mia generazione. Ne resto affascinato. Decido poi di entrare in uno dei musei più famosi, il Moma.
Arte, evoluzione, dinamica, poesia, bellezza, eleganza, sfrontatezza coesistono tra le mura di questo museo. Un'esperienza intensa, vissuta stimolando tutti e cinque i sensi.
New York mi ha completamente destabilizzato. Mi è parsa orrenda nelle prime ore e dopo un solo giorno ne sono già follemente innamorato.
Decido di fermarmi una settimana e così mi ritrovo a passeggiare per Brooklyn, Harlem, East Village, Soho, Tribeca.
Ogni giorno, ogni momento è stupore, è energia è positive vibrazioni.
L'arte si respira ed è fruibile, la libertà appare nella sua più pura contraddizione in una città occidentale che ne ha fatto il valore supremo.
E poi la sera, con club agli ultimi piani dei grattacieli, oppure dietro ad una saracinesca dove si celano veri e propri gironi danteschi tra vizi e sporche verità.
Qualcuno raccontò in un libro New York come la città dalle mille luci.
New York mi è apparsa come un piccolo mondo. Intendo proprio come il globo in miniatura con tutte le sue sfaccettature e contraddizioni. È stimolante, le persone stesse lo sono.
E poi l'arte, i musei della città sono esperienze con opere famosissime di una bellezza unica al mondo.
E poi ritrovarsi in uno spettacolo di stand up comedy, a Broadway, o ad un musical oppure la domenica poter assistere ad un vero gospel. E poi le riqualificazioni ambientali come la High line, una vecchia sopraelevata trasformata in parco che permette di passeggiare a mezz'aria tra i grattacieli. E poi, e poi...
E poi è New York.

Location (Map)

Viaggiare è ben più che vedere luoghi: è un cambia...
Di confini non ne ho mai visto uno. Ma ho sentito ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.