4 minutes reading time (706 words)

DA BOBBIO A SANTIAGO DE COMPOSTELA, A PIEDI E CON IL VOTO DEL SILENZIO #2 I PRIMI GIORNI IN FRANCIA

moint victoire

Passo dopo passo, chilometro dopo chilometro, ho raggiunto il traguardo di un mese in pellegrinaggio e, guardacaso, ho anche superato la soglia degli 800 chilometri percorsi che altro non sono che la durata, approssimativa, proprio del classico cammino di Santiago, per intenderci quello che parte da Saint Jean Pied de Pord, attraverso il cammino francese, porta fino all'Oceano Atlantico. So pertanto cosa vuol dire, almeno a livello di chilometraggio, effettuare un cammino. Un'esperienza forte, a tratti dolorosa sia fisicamente che mentalmente. È sicuramente un'esperienza temprante, che fortifica l'animo in profondità. 

 

In circa dieci giorni ero riuscito ad attraversare l'Italia in Liguria (leggi qui  se ti sei perso il primo racconto) e mi sono ritrovato scaraventato in Francia dalla sua porta principale: la Costa Azzurra. Prima Montecarlo, poi Nizza, Antibes e Cannes. Luoghi che conoscevo bene e che mi hanno fatto sentire un po' spaesato a percorrerli a piedi. Ho ritrovato amici di una vita fa ed è stato piacevole conversare con loro tra le antiche mura di Antibes; nonostante il mio voto di silenzio ormai ci ho fatto il callo e ora gestisco molto bene le conversazioni, intervenendo con il mio cellulare e scrivendo le mie opinioni o i miei pensieri. È pazzesco pensare che in silenzio si può scavare molto più in profondità nell'animo delle persone piuttosto che parlando. 

IMG_1500.jpgLa prima crisi

A Cannes ho lasciato il mare per volgere i miei passi silenziosi verso la parte interna della Provenza, attraverso bellissimi boschi di pini, ma proprio in quei giorni è arrivata una grossa crisi fisica e morale.  Poco più a nord di Frejus ho cominciato ad aver noie ad un piede a causa di una vescica mal curata e il continuo zoppicare non faceva che peggiorare la situazione. Fisicamente ero molto provato ma moralmente ancora di più perchè vedevo i miei obiettivi lontani e quasi poco tangibili. Volevo abbandonare, mi continuavo a chiedere il perchè stessi facendo una cosa tanto più grande di me. Avevo percorso circa 400 km, ne mancavano ancora quattro volte tanto, vedevo Santiago come un'utopia. 

Mi diedi come obiettivo intermedio di arrivare ad Aix En Provence e lì decidere il da farsi. Stavo addirittura pensando di arrivare, comprare una bicicletta e proseguire,  tanto era la fatica e il dolore ai piedi.  Ma poi credo che il Cammino ti porti in qualche modo a toccare il fondo per riuscire poi a ripartire di slancio: in uno di quei boschi della Provenza, questa volta di querce, ho ritrovato quelle forze che mi avevano abbandonato, soprattutto morali e mi sono ritrovato a percorrere oltre 45 km in un giorno. La forza prima di tutto dentro di me: mi sono  detto che non potevo mollare, che non me lo sarei mai perdonato. Il giorno dopo finisco a casa di Luise, una donna di 74 anni che ha percorso tre volte il Cammino e un pellegrinaggio a Roma: io mi stavo lamentando? Parlare con lei è stato utile per trovare ancora più energie e consapevolezza. 

IMG_1512.jpgResilienza

La mattina dopo mi ha accompagnato sei chilometri nel cammino e mi ha salutato con la vista del monte Saint Victoire, il preferito di Cezanne: dietro quel monte vi era Aix en Provence ma soprattutto la mia rinascita sul Cammino che ho percorso fino ad Arles prima, e Saint Gilles dopo. La mia idea era di percorrere il cammino Tolosano fino a Saint Jean Pied de Pord, ma il clima che mi aveva accompagnato ed aiutato fino ad allora ha iniziato a mutare, soprattutto nella zona di Montpellier, dove al mio arrivo erano previsti nubifragi. Ho deciso quindi di cambiare rotta e volgere verso il cammino Piemonte Pirenaico che ha comportato di nuovo la discesa sulle coste, nella bellissima area della Camargue dove ho lasciato la Provenza per entrare nell'Occitaine, una zona molto bella e particolare della Francia che per nulla conoscevo. 

Fino ad arrivare ad oggi, 800 km e un mese dalla mia partenza, di fronte ad una bellissima città gotica che solletica tante fantasie: Carcassonne. Ora la via è davvero segnata ed entro un paio di settimane dovrei essere prima a Lourdes e poi ai piedi dei Pirenei, in quella città che segna l'inizio del classico cammino: tra due settimane sarò a Saint Jean Pied de Pord.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 15 Novembre 2018
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.