5 minutes reading time (957 words)

La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo.

Lago Atitlan

E poi ci sono giorni anche un po' così.
Di quello che non ti va di alzarti dal letto. Di quello che fissi il monitor del computer, dovresti scrivere e invece niente, il nulla.
Guardi di fronte a te: un lago bellissimo, una natura lussureggiante, la giungla, le barche, le persone indaffarate nei propri giorni spesso tutti uguali.
I miei ultimi 500 non sono stati tutti uguali, anzi. Oserei dire che nemmeno uno era uguale all'altro.


Svegliarmi ogni giorno in un luogo diverso, ogni notte stelle diverse a darmi la buonanotte.
La Vita, finalmente.
Dopo giorni, settimane, mesi e anni buttati via a ripetere ogni giorno, ogni settimana, ogni mese, ogni anno le solite cose.
Capita anche al viaggiatore, a chi ha preso in mano la propria vita un momento così. Capita di guardare le proprie cose chiuse in uno zaino e non trovarci la poesia del passato.
Guardo i miei vestiti, rotti e scoloriti, gli stessi da un anno e mezzo.
Le mie scarpe sono distrutte e devono ancora sopravvivere almeno qualche settimana. Lo zaino ha tante nazioni scritte quante scuciture.
Per la prima volta guardo i miei averi in maniera diversa.
Non è semplice questa vita che ho scelto. A volte vorrei così tanto una sera a casa con la mia famiglia, i miei amici. La mancanza inizia a farsi sentire.
Capita a cavallo del giro di boa, a metà del proprio percorso intorno al mondo.
La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo.
Sono a metà. A metà di cosa, mi chiedo. A metà di un viaggio, di un progetto, di una parentesi, del mio percorso intorno a me stesso.
E allora è giusto, fermarsi a riflettere, pensare, ricordare. Ecco forse è questa la chiave. Da oggi il mio ritorno a casa si avvicina, ogni giorno sempre di più. E si allontana quello della partenza, sempre più lontano.
Forse oggi iniziano a pesare più i ricordi che le aspettative.
Quel giorno sulle rotaie a salutare.
I baci, le pacche sulle spalle, le parole, gli abbracci.
Uno in particolare so che non ci sarà quel giorno in cui tornerò. E allora forse sarebbe più semplice non tornare, andando avanti all'infinito.
Ma per cosa, per chi? Per me, forse.
La verità è che in tutte le situazioni e in tutte le avventure prima o poi tocca fare i conti con se stessi.
E allora no, non vado avanti all'infinito.
Ho davanti agli occhi tre fratellini nepalesi che si riabbracciano dopo tanti anni.
Ho davanti agli occhi quelli malinconici del pittore indiano poverissimo che mi ha ospitato a casa sua.
Ho davanti agli occhi quella guardia birmana non credere ai propri occhi nel vedere quel permesso e dover timbrare quel passaporto, il mio.
Ho davanti agli occhi il mio primo sorriso di fronte alle cascate di Guang Xi dopo che un fatto così tragico me lo aveva rubato per settimane.
Ho davanti agli occhi l'opera house di Sydney, quando l'ho rivista per la prima volta dopo dieci anni e dopo 283 giorni senza aerei nel mondo.
Ho davanti agli occhi gli occhi delle persone che ho incontrato sul mio cammino. Quelli sbalorditi quando gli dicevo che avevo attraversato l'oceano pacifico su un cargo mercantile.
Ho davanti agli occhi i miei occhi allo specchio di quando terminai il corso di meditazione. Imparai ad essere equidistante, dal bello e dal brutto.
Ho davanti agli occhi quelle bellezze naturali che ho sempre sognato da bambino, in America. Quell'America che quell'unico abbraccio che non avrò al mio ritorno non è mai riuscito a vedere.
Ho davanti agli occhi i colori del Messico.
Ho davanti agli occhi gli occhi degli squali del Belize, ben più timorosi dei miei.
Ho davanti agli occhi un monitor che fino a qualche minuto fa era vuoto perché non mi andava di scrivere tanto per farlo.
Perché ora sono un cantastorie e ogni settimana deve uscirne una nuova. Carica di emozione e stupore per questa vita meravigliosa che ho deciso di vivere.
Ma talvolta le storie sono meno emozionanti e talvolta pure tristi.

Qualcuno mi mise in guardia prima di partire, dicendomi che avrei vissuto momenti gloriosi, ma che i momenti difficili sarebbero stati ben più ardui da superare.
Ben vengano i momenti duri e difficili. Perché è grazie a quelli che decisi di mollare tutto e partire. È grazie a quelli che ho preso in mano la mia vita. È grazie a questo che oggi spicco il volo verso il resto della mia avventura.
Da oggi il mio zaino peserà più per i ricordi e ci sarà meno spazio per quello che verrà. Ma me lo sono preso, andato a conquistare. Non lo mollo, non l'abbandono.
Ho vissuto 500 giorni come non avrei mai creduto di poter fare nella vita. Davanti a me 499 da vivere fino in fondo, tutto d'un fiato, con il sorriso in faccia e il vento tra i capelli.
Lo devo a me stesso prima di tutto.
Lo devo a quell'abbraccio che non riceverò.
Davanti a me il cielo ha appena scaricato un bel temporale.
Le nubi si diradano e il sole si fa largo, sebbene al tramonto.
Sento un vociare lontano, è spagnolo e mi mette allegria.
A volta basta poco, anche solo concedersi il tempo di vivere i momenti di malinconia. Purtroppo nella vita mancano anche questi presi come siamo dalle nostre abitudini e preoccupazioni. Io vivo un sogno che mi sono andato a prendere, ho il lusso di vivere questi momenti fino in fondo e lasciarli calmierare.
Da lontano sento una canzone passare in radio
"This song of freedom...it's all i ever had..."

Cosa cambia da domani?
Nulla, tranne che alla domanda che quotidianamente ricevo "dove sei diretto?" risponderò che sto tornando a casa.

Location (Map)

Trekking a Torres del Paine: una mini guida.
(TE)amo, (TE)quila

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.