4 minutes reading time (885 words)

DA BOBBIO A SANTIAGO DE COMPOSTELA, A PIEDI E CON IL VOTO DEL SILENZIO #7: L'arrivo a Santiago

arrivo a Santiago

72 giorni camminando in silenzio da Bobbio, ovvero dalla Valtrebbia e gli appennini piacentini fino a Santiago De Compostela: 2089 chilometri per arrivare di fronte alla sua maestosa cattedrale.

È la fine di un viaggio che, non dimentichiamolo mai, è innanzitutto un pellegrinaggio e come tale, da credenti o meno, bisogna approcciarsi. Da qualunque punto inizi questo cammino, si parte turisti, a volte viaggiatori, e si giunge comunque pellegrini. È un cammino che offre tante risposte, ma che prima di ogni cosa è in grado di mettere a nudo con le nostre domande più profonde e recondite. 

Per quanto mi riguarda, posso dividere il mio percorso facilmente in due fasi: la prima, in solitaria e dove ho incontrato le difficoltà più grandi, ovvero dall’Italia fino ai Pirenei: all'incirca 1350 chilometri in 40 giorni. E poi la seconda, il famoso Cammino Francese, quello da Saint Jean Pied de Pord fino a Santiago stessa. Una seconda parte costellata di amicizie, condivisione, rispetto e spirito di fratellanza. 

 

Il cammino francese

Quest’ultima parte è proprio l’esperienza che consiglio vivamente a tutti di fare almeno una volta nella vita. Percorrere un intero cammino di pellegrinaggio, che sia il cammino francese, o il portoghese, oppure ancora quello del nord, il primitivo. Tuttavia, quando lo percorrerete, vi prego, non tornate convinti di aver conseguito la laurea in viaggiologia. Non sapete infatti quante cose ho sentito in queste settimane da chi, avendo percorso il cammino, si sente di dare consigli a chiunque: dallo zaino, alle scarpe, dalle scelte sui voti - come il mio per esempio in silenzio- ai luoghi dove fermarsi e quelli da evitare... Tornate con la lezione più grande: l’umiltà. Non esiste un cammino migliore di un altro, ogni cammino è personale e ogni scelta, se ponderata e consapevole, saprà donarvi un'esperienza difficile da replicare. Io ci sono arrivato dopo il mio giro del mondo, fatto di quasi 3 anni lontano da casa. Non ve lo nego, a tante domande e conclusioni vi ero già giunto, ma il Cammino è riuscito ad offrirmi nuova e rinvigorita consapevolezza. Come nella vita, non esistono scelte giuste o sbagliate in senso assolute: esistono solo quelle scelte che ci hanno portato qui oggi, a questa latitudine e longitudine del mondo.

 

Schermata 2018-11-27 alle 15.48.41.jpg

Gli ultimi giorni

Sono stati strani questi ultimi giorni in Galizia: gli ultimi 100 chilometri di questo straordinario cammino mi hanno mostrato un quadro naturale di una bellezza inaudita: la salita a O Cebreiro con i boschi intorno a me di tutti i colori possibili dell’autunno: dal rosso, all’arancione, dall’ocra al giallo intenso. Sembrava a tratti un quadro impressionista. Nel frattempo i chilometri che, come in un conto alla rovescia, non sono mai passati così velocemente. Lo zaino che ora é davvero leggero, mentre la testa, invece, piena di pensieri e il cuore  via via sempre più colmo di gioia. 

Di fronte alla cattedrale è anche terminato dopo 72 giorni il mio voto di silenzio: una scelta appunto tanto criticata perché, sostenevano, mi avrebbe fatto perdere la parte più bella del cammino, ovvero la condivisione; sottovalutando tuttavia come la parola non sia altro che una delle tante forme di comunicazione e che in silenzio, se ci si pone davvero all’ascolto delle persone, si può arrivare anche ad una condivisione maggiore e più profonda. La comunicazione è fatta di gesti, di sguardi e soprattutto di ascolto. Proprio per questa ragione avevo scelto la via del silenzio: perché la gente ha smesso di ascoltare. Gli altri prima di tutto, ma anche il mondo, la natura, se stessi.  Si vogliono prevaricare le altre persone con le proprie opinioni, parlando, alle volte anche urlando, senza preoccuparci minimamente di quello che pensa il nostro interlocutore: ciò che conta siamo solo noi in una visione totalmente egocentrica. 

In questi 72 giorni ho capito innanzitutto che la situazione è ben più grave di quello che immaginavo, non solo non si ascolta, ma nemmeno si prende in considerazione chi si ha di fronte. Ognuno pensa di avere la propria verità in tasca e non pensa minimamente all'opinione altrui, alle diverse esperienze che hanno portato un individuo a trovarsi qui ora di fronte a noi. Non si pensa ai piedi che hanno compiuto quei passi.  Inoltre ho compreso molto banalmente che in silenzio sto bene, sarei riuscito a stare altri mesi in questa condizione, senza alcun problema. Credo di essere riuscito nel mio intento più grande ovvero riuscire a tornare ad ascoltare: me stesso, la natura, le altre persone e anche il silenzio dei miei passi.

Ho imparato che in mondo dove oggi ognuno cerca di fare più chiasso possibile per mostrarsi ed apparire in realtà si può fare molto più rumore restando zitti...

 Schermata 2018-11-27 alle 15.50.12.jpg

Le prime parole 

Lo so, vi state chiedendo quali siano state le prime parole dette dopo due mesi di silenzio... Sono sincero, hanno stupito anche me. Avevo preparato discorsi epici ma poi, quando mi sono inginocchiato di fronte alla cattedrale ha prevalso la commozione e la gratitudine. Verso me stesso e verso glialtri, verso il mondo, l'universo e anche verso chi mi ha protetto. Lasciatemi il tempo di consolidare queste emozioni e vi prometto che vi racconteroò queste prime parole nel libro che sto ultimando di scrivere e che spero presto sia disponibile per tutti voi. 

Il titolo nel frattempo è già deciso, si intitolerà "Il Silenzio Dei Miei Passi" 

 

Location (Map)

Da Locarno a Venezia alla riscoperta di angoli d'I...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 17 Dicembre 2018
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.