4 minutes reading time (700 words)

La preparazione del viaggio - Maggio 2014

Preparare un viaggio intorno al mondo non è impresa semplice per nessuno, essere diabetico implica una pianificazione ancora più accurata. Occorre studiare gli itinerari, conoscere le possibili difficoltà nel poter reperire insulina in casi di emergenza , strutturarsi con adeguate scorte e riuscire a conservarle correttamente.

La mia terapia prevede una iniezione al giorno, verso sera, di insulina ad effetto continuo per 24 ore e tre iniezioni di insulina rapida in prossimità dei pasti. Nello specifico al momento della partenza mi somministravo 30 unità al giorno di insulina rapida e 28 di quella ad effetto continuo. Ho dovuto pertanto calcolare quanta scorta di insulina portare con me. La prima difficoltà, su un viaggio così lungo è la scadenza della stessa: circa 14 mesi. Si è rivelato pertanto inutile anche solo pensare di poter partire con una scorta che coprisse l’intero viaggio. Ho valutato varie possibilità e ho individuato la soluzione nel prendere con me sufficiente insulina per un anno e poi verificare le possibilità di spedizione della stessa dall’Italia. In 10 mesi conto di arrivare in Australia, continente nel quale non dovrebbe essere particolarmente difficile far arrivare la successiva scorta. Un anno con le dosi che vi ho indicato significa 72 penne precaricate, non proprio poche. La loro conservazione? L’insulina può restare a temperatura ambiente fino a 28 giorni, ma andrebbe conservata tra i 4 e gli 8 gradi. Mi sono pertanto munito di mattonelle per il ghiaccio e di borse termo protettive. Ho inoltre studiato un piccolo stratagemma per mantenere un po’ più a lungo la temperatura: la carta di giornale! Sì, la carta dei quotidiani ha un buon effetto isolante: l’idea mi è venuta osservando come si coprono i clochard alle stazioni e come si proteggono i ciclisti all’inizio delle discese in alta montagna infilandosi fogli di giornale donati dai tifosi sotto la maglia.
Con questo accorgimento conto di mantenere nella maggior parte delle situazioni la temperatura corretta per un paio di giorni. Dovrò quindi trovare fonti di raffreddamento solo un paio di volte alla settimana e questo non è impossibile, alloggiando negli ostelli.

Problema insulina risolto? Non del tutto perché ho risolto il problema della conservazione, ma non quello di tenerla al sicuro. Sí perché può sempre succedere che mi rubino qualcosa e tra questo ci potrebbe essere anche lei. Come per ogni cosa di vitale importanza, tra cui i documenti, le carte di credito, i soldi, anche l’insulina, in viaggio, deve rispondere al requisito della diversificazione dei rischi. Non posso permettermi di conservarla sempre e solo in unico posto per esempio nello zaino, poiché se ne fossi derubato, sarei finito. Ho creato quindi tre scorte di diversa quantità che mi permettano di diversificare i rischi: una scorta grande sarà riposta nello zaino grosso, quello che conterrà l’abbigliamento. Una scorta più piccola, ma ugualmente ampia, diciamo sui 3 mesi, verrà riposta nello zainetto che conterrà tra le altre cose, tutta la mia attrezzatura tecnologica e di utilizzo quotidiano, dove pertanto porrò maggiore attenzione. Infine detto che una penna mi dura circa 10 giorni, due penne per tipo le conserverò nel mio marsupio, da cui mai mi staccherò. I rischi sono pertanto ridotti al minimo.

Infine per quanto riguarda il controllo della glicemia mi sono dotato di uno strumento per il monitoraggio continuo basato su tecnologia AGP, il quale mi permetterà un enorme risparmio di spazio destinato ai più classici pungi dito e strisce reattive. Come funziona lo strumento? E’ una sorta di chip che viene generalmente applicato sulla pancia o sulle braccia che trasmette in continuo ad un apparecchio grande quanto un cellulare i dati della glicemia. Il trasmettitore inoltre vibra ogni qual volta la glicemia si alza o si abbasso oltre i valori raccomandati, aiutandomi quindi a gestire al meglio anche i radicali cambi di alimentazione.

Per far spazio alle scorte e al resto dell’attrezzatura per il diabete ho sacrificato molti vestiti ed abbigliamento, ma poco importa, perché un viaggio del genere ti porta realmente a capire cosa è davvero indispensabile nella vita, il diabete quindi mi aiuta a selezionare l’indispensabile ancor di più!
Ora non resta che partire…

Leggi l'articolo completo su Diabete.com

Guarda i video su youtube:
Cosa dice il dottore
La conservazione dell'insulina


L'inizio del viaggio

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 1

Ospite - Tapiocapioca il Venerdì, 19 Settembre 2014 19:31

Ciao, mi permetto di fare una critica al tuo modo di trasportare l'insulina, secondo me sbagli alla grande l'approccio.

Io vivo lontano da casa da molto tempo e sono sempre in viaggio, spesso è capitato anche a me di dover portare dietro scorte per 10 -12 mesi e alla fine mi sono detto :-" Per quale motivo dovrei portarmi dietro 1000 penne quando potrei avere solo le fiale?"-.
Cosi mi sono attrezzato con delle penne che non vendono in italia

http://novonordisk.com/diabetes_care/insulin_pens_and_needles/novopen_echo/default.asp

per Novorapid e Levemir. So che esistono anche per Apidra, quindi no problem.

Problema più grosso, almeno per per me, è la gestione della Levemir dato che in Italia è stato scelto di non venderla in penfill e la stessa sorte mi pare sia toccata alla Lantus.
Quindi che fare? Semplice prendere le penne e spaccarle, tanto sono fragilissime e tirare fuori le fiale. Solitamente nel mio caso distinguo basale e rapida dalla cover sulla punta.

i.imgur.com/Ihdd9Kr.jpg" target="_blank">http://i.imgur.com/Ihdd9Kr.jpg

Per essere sicuri di non avere problemi affrontando le frontiere è meglio avere fiale con un'etichetta, ma anche in questo caso è facile rimediare, basta toglierle dalle penne e riapplicarle sulle fiale avendo cura di tagliarle in una maniera un po' smart.

http://i.imgur.com/6563XsK.jpg

Così è possibile vedere senza problemi quanta insulina manca prima di finire la fiala e la scadenza. Ho passato le frontiere di tutti posti dove sei stato e non ho mai avuto problemi eccetto l'India, dove non sono mai stato.

In questo modo posso portare con me solo 4 penne in totale e quante fiale mi servono, anche per 2 anni usando un contenitore meno della metà del tuo.

Se hai intenzione di arrivare fino in Indonesia batti un colpo che ci andiamo a bere una birra insieme!

Spero di averti aiutato nella tua impresa e di aver trovato più spazio per i tuoi vestiti!

Lorenzo

Ciao, mi permetto di fare una critica al tuo modo di trasportare l'insulina, secondo me sbagli alla grande l'approccio. Io vivo lontano da casa da molto tempo e sono sempre in viaggio, spesso è capitato anche a me di dover portare dietro scorte per 10 -12 mesi e alla fine mi sono detto :-" Per quale motivo dovrei portarmi dietro 1000 penne quando potrei avere solo le fiale?"-. Cosi mi sono attrezzato con delle penne che non vendono in italia http://novonordisk.com/diabetes_care/insulin_pens_and_needles/novopen_echo/default.asp per Novorapid e Levemir. So che esistono anche per Apidra, quindi no problem. Problema più grosso, almeno per per me, è la gestione della Levemir dato che in Italia è stato scelto di non venderla in penfill e la stessa sorte mi pare sia toccata alla Lantus. Quindi che fare? Semplice prendere le penne e spaccarle, tanto sono fragilissime e tirare fuori le fiale. Solitamente nel mio caso distinguo basale e rapida dalla cover sulla punta. http://i.imgur.com/Ihdd9Kr.jpg Per essere sicuri di non avere problemi affrontando le frontiere è meglio avere fiale con un'etichetta, ma anche in questo caso è facile rimediare, basta toglierle dalle penne e riapplicarle sulle fiale avendo cura di tagliarle in una maniera un po' smart. http://i.imgur.com/6563XsK.jpg Così è possibile vedere senza problemi quanta insulina manca prima di finire la fiala e la scadenza. Ho passato le frontiere di tutti posti dove sei stato e non ho mai avuto problemi eccetto l'India, dove non sono mai stato. In questo modo posso portare con me solo 4 penne in totale e quante fiale mi servono, anche per 2 anni usando un contenitore meno della metà del tuo. Se hai intenzione di arrivare fino in Indonesia batti un colpo che ci andiamo a bere una birra insieme! Spero di averti aiutato nella tua impresa e di aver trovato più spazio per i tuoi vestiti! Lorenzo
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 16 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.