4 minutes reading time (833 words)

In viaggio con il diabete tra Canada e Stati Uniti: una guerra quotidiana al cibo spazzatura...

death valley - USA

Lontani sono ormai i giorni trascorsi in Asia, dove quotidianamente mi imbattevo in odori, colori e cibi diversi sempre nuovi. Dopo dieci mesi avevo trovato il mio equilibrio, vegetariano tra l'altro, in una cucina estremamente varia. Il diabete 1 aveva reagito bene ed ero sempre riuscito a mantenerlo sotto controllo.
Poi è arrivata l'agognata Australia e quella sorta di "vacanza mentale" che mi ha portato a "dimenticarmi" del mio compagno di viaggio. Poco male poiché dopo poche settimane sono riuscito, grazie ai cibi perfettamente conosciuti, a riequilibrarmi anche in questo caso.

L'avventura trans pacifica per ventisei giorni chiuso su un cargo mercantile mi ha permesso di studiare il diabete quotidianamente, con un impatto dell'attività fisica inesistente e quindi un focus unico sul cibo e sulle quantità di insulina. L'equilibrio in questo caso è stato ancora più facile sebbene lo scarsissimo movimento mi abbia portato ad aumentare del 10% circa delle mie dosi quotidiane.
Un'esperienza ormai quasi globale e oltre 300 giorni in viaggio. Così mi presento al Nord America, al Canada prima e agli Stati Uniti poi. Paesi in cui il tasso di crescita del diabete è altissimo, soprattutto per il tipo 2. Il motivo è facilmente scovabile.


Il Nord America è il posto peggiore finora visitato per i malati di diabete.
Senza se e senza ma, ho trascorso due mesi, attraversando il continente da ovest a est e poi da nord a sud, e ancora verso ovest fino alla California. Da Vancouver a New York e poi attraverso gli States tra Chicago, New Orleans, Austin, Denver, San Francisco e San Diego solo per citare alcune delle città più importanti.
Dappertutto il comune denominatore è lo zucchero onnipresente. I cibi, anche conosciuti, hanno valori nutrizionali completamente diversi da quanto ero abituato in Europa e in Australia. Il pane, per esempio non contiene solo zucchero, ma anche proteine. Il tutto ancora più complicato dai prezzi poiché mangiare in maniera sana, biologica e organica è un lusso per ricchissimi. Il mio viaggio intorno al mondo è anche una sfida al budget e non potevo permettermi i classici fast food per ovvie ragioni di salute.

E così i primi giorni ho cominciato a sentire le prime iperglicemie ingiustificate.
Non capivo come potessero alzarsi così tanto i valori della glicemia a fronte di insalate o normalissimi panini a base di verdure. Spesso mi imbattevo in salad bar, ovvero bar a base di insalate, tra i più gustosi trovati nel mondo. Il problema tuttavia risale ai condimenti, praticamente impossibile trovarne qualcuno privo di zuccheri o grassi significativi.

Una notte per esempio mi ritrovai in una radura nel Colorado. Dormivo in macchina, in uno spazio appositamente dedicato al campeggio. Per cena mi ero comprato una busta di ceasar salad ovvero un'insalata a base di formaggio e crocchette di pane accompagnate da un condimento composto principalmente da yoghurt e aglio. Questa la mia cena insieme a un po' di frutta e un tè caldo senza zucchero. La glicemia prima di cena pari a 145, quindi effettuo la mia solita dose dato che insieme all'insalata avrei mangiato un pò di pane finalmente trovato senza zucchero aggiunto in una vera e propria panetteria.
Dopo circa tre ore inizio a sentire sete e urino più del dovuto. Non posso credere di essere in iperglicemia. Faccio l'esame e mi ritrovo ad oltre 400!
Ovviamente correggo e dopo poco rientro nei ranghi.
Al mattino successivo controllo l'etichetta dell'insalata con i valori nutrizionali della salsa condimento: nonostante fosse salata era a base di zucchero, oltre cinquecento calorie.
Questo un piccolo esempio, ma potrei farne tantissimi.
Come quella volta che mi sono trovato ad ordinare un pancake e due uova per colazione e mi ritrovo quattro pancake con una palla di burro da sembrare una palla di gelato alla vaniglia mentre le uova erano appoggiate su un letto di patate in stile hashbrown (frittelle di patate).
Questo a dimostrare che le quantità stesse in America sono un problema.


Per quanto riguarda la mia dieta vegetariana, altrettanti problemi.
Tutti i derivati per vegetariani contengono grassi e zuccheri per aumentarne i sapori.
Ho faticato non poco per riuscire ad equilibrarmi e probabilmente in due mesi ho perso tanti dei benefici guadagnati in un anno in giro per il mondo.
La mia permanenza si è tradotta in una autentica lettura quotidiana di etichette nutrizionali. Per fortuna sono in grado ormai di gestire in modo autonomo tali problematiche anche se in queste settimane l'apporto della mia nutrizionista e il costante confronto con il medico mi hanno aiutato non poco.
Ho osservato tanto la popolazione americana e ho trovato l'americano medio decisamente sovrappeso e soprattutto l'ho visto alimentarsi nel peggiore dei modi. Ho trovato anche americani invasati della forma fisica e delle diete, ma in quanto tali si trovano poi a combattere altre problematiche.
Mangiare sano in America è difficile e costoso, inoltre richiede un minimo di preparazione. Se pensate di trascorrervi un periodo superiore alle due settimane siete avvisati, meglio un consulto nutrizionale prima di partire.


Leggi l'articolo completo su Diabete.com

Location (Map)

In viaggio con il diabete in Messico
Con il diabete nella terra dei canguri

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 15 Gennaio 2019
Se si desidera iscriversi, compilare i campi nome utente e del nome.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. APPROFONDISCI | ACCETTA

Informativa estesa sui cookie

Premessa
La presente “informativa estesa” è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito in base a quanto previsto dal Provvedimento dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali. Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’azienda, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante
Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa, o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o incongruente, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Oggetto dell’informativa
La nostra azienda sfrutta nelle presenti pagine web tecnologie facenti ricorso ai così detti “cookies” e questa informativa ha la finalità di illustrare all’utente in maniera chiara e precisa le loro modalità di utilizzo. Il presente documento annulla e sostituisce integralmente eventuali precedenti indicazioni fornite dall’azienda in tema di cookies, le quali sono quindi da considerarsi del tutto superate.

Cosa sono i cookies
I cookies sono stringhe di testo (file di piccole dimensioni), che i siti visitati da un utente inviano al suo terminale (pc, tablet, smart phone, ecc.), ove vengono memorizzati per poi essere ritrasmessi agli stessi siti che li hanno inviati, nel corso della visita successiva del medesimo utente.

Tipologie di cookies e relative finalità
I cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

- Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

- Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics. E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser
Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.
In particolare l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.
Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser
Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.